Alceo fr. 332

di F. Ferrari, La porta dei canti. Storia e antologia della lirica greca, Bologna 2005, pp. 244-245.

 

Pittore di Colmar. Simposiaste e musico. Pittura vascolare dal tondo di una kylix attica a figure rosse, 490 a.C. ca., da Vulci. Paris, Musée du Louvre.

 

Mirsilo, l’odiato tiranno succeduto a Melancro, è morto: bisogna «festeggiare» e ubriacarsi («a forza», πρὸς βίαν, aggiunge enfaticamente il poeta). Nel suo candido cinismo il distico (probabilmente iniziale del carme, come suggerisce l’analogo incipit dell’ode composta da Orazio per la morte di Cleopatra: Carmina I 37 nunc est bibendum, nunc pede libero / pulsanda tellus…) documenta la violenza degli odi tra fazioni in lotta per la conquista del potere. Un’esultanza, tra l’altro, che non portò frutti concreti ad Alceo e alla sua eteria, in quanto la comunità di Mitilene (in realtà un patto di tregua tra tutti gli altri gruppi aristocratici) assegnerà a Pittaco poteri illimitati proprio per proteggere la città «contro gli esiliati, di cui erano a capo Antimenida [fratello di Alceo] e il poeta Alceo» (Aristotele, Politica 1285a 33 ss. = Test. 470 Voigt, cfr. fr. 348 τὸν κακοπατρίδα‹ν› / Φίττακον πόλιος τᾶς ἀχόλω καὶ βαρυδαίμονος / ἐστάσαντο τύραννον, μέγ᾽ ἐπαίνεντες ἀόλλεες «Pittaco l’ignobile tutti insieme fra grandi lodi lo facevano tiranno di questa città imbelle, abbandonata alla sventura»).

 

Fonte: Ateneo X, 430 c.

Metro: endecasillabi alcaici (cfr. a fr. 129).

 

Νῦν χρῆ μεθύσθην καί τινα πρὸς βίαν

πώνην, ἐπεὶ δὴ κάτθανε Μύρσιλος.

 

«Ora bisogna ubriacarsi e che ognuno beva a forza, poiché Mirsilo è morto».

 

Annunci

Alceo fr. 208a

di F. Ferrari, La porta dei canti. Storia e antologia della lirica greca, Bologna 2005, pp. 240-243.

A Mirsilo, e alla sua cospirazione per affermarsi come «tiranno» di Mitilene si riferisce – come ci informa lo stoico Eraclito – l’allegoria della nave dello Stato, sviluppata anche in un altro carme (fr. 6, 1-4):

 

Τὸ δηὖτε κῦμα τῶ προτέρω ᾽νέμω

στείχει, παρέξει δ᾽ ἄμμι πόνον πόλυν

ἄντλην, ἐπεί κε νᾶος ἔμβαι

νή[ατα .]όμεθ᾽ ἐ[

 

[. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .]

[. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .]

φαρξώμεθ᾽ ὠς ὤκιστα [

ἐς δ᾽ ἔχυρον λίμενα δρό[μωμεν

 

καὶ μή τιν᾽ ὄκνος μόλθ[ακος ἀμμέων

λάβηι· πρόδηλον γάρ μεγ᾽ [ἀέθλιον

μνάσθητε τῶν πάροιθε μ[οχθων

νῦν τις ἄνηρ δόκιμος γε[νέσθω

 

καὶ μὴ καταισχύνωμεν [ἀνανδρίαι

ἔσλοις τόκηας γᾶς ὔπα κε[ιμένοις

 

«Avanza di nuovo questa ondata prodotta dal vento di prima e ci costerà molta fatica vuotare la sentina quando l’acqua abbia invaso la nave… al più presto fortifichiamo ‹le fiancate›… e corriamo verso un porto sicuro… e nessuno si lasci prendere dalla fiacca esitazione ‹…›: una grande ‹tempesta› è palese; ricordate il ‹…› di prima; ora ogni uomo mostri di saper resistere, e non disonoriamo i nobili genitori che giacciono sotto la terra…».

 

Gruppo del pittore Leagro. Una nave. Pittura vascolare dall’interno di una kylix attica a figure nere, 520 a.C. ca., da Cerveteri. Paris, Cabinet des médailles.

 

Già in Archiloco i pericoli della guerra erano assimilati all’approssimarsi di una tempesta sul mare, ma solo con Alceo (e poi con Teognide 671-682) prende forma compiuta l’immagine della nave in mezzo ai flutti come simbolo politico, «manifestazione visibile ed emblematica della discordia civile che travolge la città di Mitilene (…). I venti, le onde, l’acqua della sentina, le sartie, i timoni, le scotte, il carico della nave, sono le immagini sensibili attraverso le quali il poeta comunica all’uditorio l’estrema gravità di una situazione, la furia di uno scontro cui difficilmente si potrà resistere. L’onda metaforizza il movimento e l’urlo dei guerrieri: nell’Iliade (15, 381 ss.) i Troiani che si abbattono sul muro sono come una grossa ondata (μέγα κῦμα) che s’abbatte sulla murata di una nave (νηὸς ὑπὲρ τοίχων); nei Sette a Tebe di Eschilo il nunzio esorta a difendere la città “prima che si scatenino i soffi di Ares, poiché urla l’onda (κῦμα) terrestre dell’esercito”. Con la stessa immagine marinaresca, che sembra questa volta ricalcare proprio quella di Alceo, il coro delle vergini descrive la sciagura della guerra che si abbatte sui Tebani (vv. 758 ss.): “un mare di mali sospinge l’onda (cioè l’onda dei guerrieri), l’una ricade, l’altra solleva la triplice cresta che mugghia intorno alla poppa della città”. L’acqua che penetra nella sentina della nave (ἄντλος) denota anch’essa l’onda degli uomini armati che irrompono nella città: nei Sette a Tebe (vv. 795 s.) il nunzio narra con esultanza al coro che la patria è ormai scampata al giogo, gode la quiete e “sotto i molti colpi delle ondate non accoglie l’acqua della sentina” (ἄντλος), cioè nessuna falla s’aperse all’impeto delle onde e, fuor di metafora, nessuna breccia s’aperse all’assalto dei nemici. I timoni (v. 9 ὀήϊα) e la vela (v. 7 λαῖφος) sono i simboli della nave/città: nei Sette a Tebe (v. 3) il custode della cosa pubblica è colui che governa il timone (οἴακα) sulla poppa della città. La violenza e le rovine della guerra sono espresse nel Reso (v. 232 s.) di Euripide con l’immagine di Ares che soffia impetuoso e lacera le vele della città di Ilio. Anche per la discussa espressione “restino saldi nelle scotte i due piedi (della vela)” (…) è indubbio che il termine “piedi” ha la funzione ambivalente di denotare, nell’ambito dell’allegoria, i due angoli inferiori della vela che vengono tirati o allentati dalle corde e, fuor di metafora, come è stato dimostrato mediante il confronto con Tirteo, i piedi del combattente. Lo stilema tirtaico che raffigura il soldato “ben saldo sulle gambe” che nel combattimento deve resistere (μενέτω) “con entrambi i piedi fissati al suolo”, presenta quella stessa immagine che la metafora alcaica veicola attraverso il nesso concettuale del restar saldo, del resistere (μένειν). I piedi, gli arti inferiori della vela e del combattente, sono gli strumenti tangibili e visivi della resistenza ad oltranza contro la furia dei venti e delle onde e, fuor di metafora, contro il divampare della guerra civile con il ritorno di Mirsilo a Mitilene, in senso più specifico, contro gli assalti della fazione avversa. Ad essi Alceo affida la propria salvezza» (Gentili 1984, 260-262).

Larga e duratura la fortuna del carme alcaico: oltre a Teognide (vv. 671-682) e ai Sette contro Tebe eschilei (in particolare vv. 62 ss., 208 ss., 795 ss.), vanno ricordati almeno Polibio (VI 44, 3-7), Orazio (Carmina I 37), Dione Cassio (LII 16, 3-4).

 

Fonte: Eraclito, Allegorie omeriche 5 (vv. 1-9); Cocondrio, Περὶ τρόπων 9 (Rhetores Graeci 3, 234 s. Spengel) (vv. 1-5); P. Oxy. 2297, frr. a b c (vv. 8-19), etc.

Metro: strofi alcaiche.

 

ἀσυν‹ν›έτημμι τὼν ἀνέμων στάσιν·

τὸ μὲν γὰρ ἔνθεν κῦμα κυλίνδεται,

τὸ δ’ ἔνθεν, ἄμμες δ’ ὂν τὸ μέσσον

νᾶϊ φορήμμεθα σὺν μελαίναι

 

χείμωνι μόχθεντες μεγάλωι μάλα·

πὲρ μὲν γὰρ ἄντλος ἰστοπέδαν ἔχει,

λαῖφος δὲ πὰν ζάδηλον ἤδη

καὶ λάκιδες μέγαλαι κὰτ αὖτο·

 

χάλαισι δ’ ἄγκυρραι, ‹ τὰ δ᾽ ὀήϊα ›

[                                                   ]

. [. . .] .[

-τοι πόδες ἀμφότεροι μένο[ισιν

 

ἐ‹ν› βιμβλίδεσσι· τοῦτό με καὶ σ[άοι

μόνον· τὰ δ᾽ ἄχματ᾽ ἐκπεπ[α]λάχμενα

τὰ] μεν φ[ό]ρηντ᾽ ἔπερθα, τῶν [. . .].

. . . .]ενοισ.[. . . . . . . . . . . . . .

 

«Non intendo questa posizione dei venti: infatti un’onda rotola di qua e di là un’altra, e noi siamo trascinati in mezzo al mare con la nera nave, molto tribolando per la grande tempesta; infatti l’acqua della stiva supera la base dell’albero e la vela (è) ormai tutta lacera e grandi brandelli ne pendono, e si allentano le ancore, e i timoni… ambedue le scotte restino salde nei canapi: questo possa salvare almeno me; e le merci le une (ormai) sfracellate, sono trascinate in alto…».

Il filosofo che volle educare il tiranno

di L. Canfora, Corriere della Sera, 29/11/12

Discendente dalla più antica e illustre nobiltà ateniese, Platone ha sentito sin dal principio l’attrazione della politica. Ha avuto la ventura di vivere una serie di esperienze straordinarie e traumatiche: i Trenta Tiranni – il cui capo era un suo congiunto – , la restaurazione democratica, la dispersione dei socratici, la grandezza e la miseria della tirannide siciliana, l’irretimento nelle beghe della corte siracusana, la delusione, il ritiro nella scuola. Ha idoleggiato una società comunistica e profondamente «interventista» nella vita di ogni singolo come unica via per la realizzazione non individualistica, ma collettiva del «sommo bene»; ma una tale società non ha saputo concepirla che come rigidamente castale e autoritaria; attratto, come già Crizia, da un modello che, per quanto gli appaia col tempo sempre più insoddisfacente, deludente e caduco, è pur sempre presente alla sua coscienza: quello della Sparta egualitaria, povera, virtuosa, delle leggi di Licurgo.

Platone (dettaglio), dalla 'Scuola di Atene' di Raffello Sanzio. Affresco, 1509-1510. Città del Vaticano, Stanza della Segnatura, Palazzi Apostolici.

Platone (dettaglio), dalla ‘Scuola di Atene’ di Raffello Sanzio. Affresco, 1509-1510. Città del Vaticano, Stanza della Segnatura, Palazzi Apostolici.

Assumendo i «tiranni» di Siracusa come interlocutori del suo esperimento di «monarchi-filosofi», Platone adotta un punto di vista che potremmo definire “hobbesiano”: quello della indistinguibilità tra monarca e tiranno (se non in ragione delle azioni compiute), e il rifiuto, per converso, della usuale loro distinzione basata sul giudizio soggettivo di sostenitori e avversari. (Non è inutile ricordare che proprio dalla considerazione della tirannide greca – e ateniese in particolare – Hobbes era per la prima volta approdato, nell’introduzione a Tucidide, 1629, a quella formulazione dell’inconsistenza del concetto di per sé negativo di «tirannide» che affiderà più tardi al De Cive).
Questo atteggiamento dovette essere comune anche ad altri socratici, e discende, forse, dall’atteggiamento radicalmente critico dello stesso Socrate – il quale non a caso restò in Atene durante il governo dei Trenta – nei confronti di tutte le forme politiche tradizionali.

John Michael Wright, Ritratto di Thomas Hobbes. London, National Portrait Gallery.

John Michael Wright, Ritratto di Thomas Hobbes. London, National Portrait Gallery.

Un socratico non trascurabile, quale Senofonte, svilupperà nello Ierone il tema della «infelicità» del tiranno. Ma Platone andrà oltre. Col suo esperimento siracusano, egli si è aperto, nella prassi, ad una empirica intesa con i tiranni. È stata una scelta di realismo politico che di solito resta in ombra, quando si parla di Platone, collocato, di norma, agli antipodi del realismo o addirittura della Realpolitik.
Non sarà forse mai del tutto esaustivo lo sforzo volto a scandagliare le molte facce di questo genere di scelte: il misto di fascinazione del potere (e della persona che eventualmente lo incarni); di illusione o ragionevole convinzione di riuscire ad incidere in dinamiche e meccanismi che, lasciati a se stessi, sarebbero, forse, di gran lunga peggiori; di certezza che una testimonianza resa fino alle estreme conseguenze può rendere frutti a distanza di tempo (a futura memoria); di fatalismo per non saper più «uscirne»; di effettiva commistione di comportamenti tra il politico e il filosofo, che si produce comunque, anche nel loro confliggere. E siamo certi che questa casistica è del tutto incompleta: non rende appieno la ricchezza di possibilità che il difficile intreccio comporta o suscita.
Il moderno fautore del Principe, che teorizzò la necessità di affidare l’educazione ad un ideal-tipico Chirone perché mezzo uomo e mezzo bestia, fu, al tempo stesso, uomo di azione che dalla diretta esperienza della politica uscì schiacciato. E tuttavia egli è riuscito a ripensare quell’esperienza con un distacco tale da finire coll’apparire ai lettori – specie a quelli non benevoli, ma non per questo impertinenti – addirittura come il «cantore» dei metodi di governo del Duca Valentino. Né risolse l’evidente aporia la gramsciana intuizione di spostare su di un soggetto collettivo, la forza, il ruolo e le prerogative del «moderno principe».
È probabilmente illusorio il proposito di conciliazione o di ricomposizione tra morale individuale e morale politica. Ed è difficile sostenere che le esperienze risolutive non siano state ancora fatte, che il ritrovato risolutivo non sia stato ancora escogitato. Al contrario, la vastità e la ripetitività delle esperienze che abbiamo alle spalle, e che la superstite Historia rerum gestarum ci documenta, è tale da indurre piuttosto a ritenere che quel ritrovato non esista. Al punto che la medesima persona, ove per avventura trapassi da intellettuale a politico – raro ma non impossibile scambio di ruoli – cambia anche morale.

Altobello Melone, Ritratto di gentiluomo, detto Cesare Borgia. Olio su tavola 1500-1524. Bergamo, Galleria dell'Accademia Carrara.

Altobello Melone, Ritratto di gentiluomo, detto Cesare Borgia. Olio su tavola 1500-1524. Bergamo, Galleria dell’Accademia Carrara.

Libero resta, invece, il tipo di fuoruscita individuale, quando si sia approdati ad una situazione che appare ormai insostenibile. Seneca ha lasciato alle età successive, oltre che l’esempio della grandezza e miseria di un esperimento fallito, anche la ricetta, tipica dell’aristocrazia stoicheggiante romana, per chiudere sul piano individuale la partita: «Chiedi quale sia la strada per la libertà? Una qualsiasi vena del tuo corpo» (De Ira, III, 15, 4).
La politica è arte troppo grande e troppo rischiosa, già per il fatto che grazie ad essa alcuni divengono arbitri del destino di tutti gli altri, per non comportare, per chi vi si cimenta da protagonista, prezzi altissimi. Come ben sapeva il Socrate platonico, è l’unica arte che non dispone di canoni «insegnabili», e che tuttavia qualcuno, necessariamente, deve praticare. Anche il tiranno è dunque vittima, e talora vittima sacrificale. A ben vedere, è talmente «ovvio» che la morale da lui praticata sia diversa da quella individuale (e non per sua libera scelta malefica), che, a distanza di tempo, sorge talora, tra i molti, pungente nostalgia di lui: consapevoli tutti, è da pensare, che egli fosse, per così dire, costretto ad una morale diversa. Donde il sorgere, ad esempio, dopo la morte di Nerone, di «falsi Neroni» ritornanti nel tempo nella fantasia collettiva, pur dopo la fine fisica di quel determinato principe che portò quel nome e che morì esecrato. Fenomeno destinato a coesistere con l’altro, complementare e indissolubile dal primo, dell’alta stima, anche da parte dei critici più acerbi, nei confronti della «via alla libertà» che Seneca, quando lo ritenne doveroso, seppe praticare.

Luciano Canfora.

Luciano Canfora.

Policrate tiranno di Samo

di D. Musti, Storia greca. Linee di sviluppo dall’età micenea all’età romana, Milano 2010, pp. 249-251.

Kouros. Testa, marmo, VI sec. a.C. ca. da Samo. Istanbul, Arkeoloji Muzesi.

Kouros. Testa, marmo, VI sec. a.C. ca. da Samo. Istanbul, Arkeoloji Muzesi.

La tirannide di Policrate a Samo appartiene a quel tipo di tirannidi di fase arcaica avanzata, che più rapidamente sboccano in un conflitto con l’aristocrazia locale, e che giungono, per vie traverse, a porre le premesse per l’instaurazione della democrazia. Non è un caso che qui, dopo la morte di Policrate, il suo ex-segretario Meandrio potesse instaurare un regime isonomico, che, se avesse avuto stabilità e durata, sarebbe stato un antecedente per la stessa democrazia di Atene. Tuttavia, anche nel caso di Policrate il cliché della genesi delle tirannidi arcaiche è ampiamente rappresentato. 1) Egli è di origine aristocratica, figlio del nobile Eace, ed è uno dei tre fratelli (gli altri sono Pantagnoto e Silosonte), che sin dall’inizio si considerano destinati a detenere il potere a Samo e che con lui lo dividono per qualche anno. 2) Che egli sia venuto in conflitto con l’aristocrazia cittadina è fuori di dubbio: lo dice la durezza dell’opposizione che gli si solleva contro, opposizione che finirà col provocare nel 524 a.C. l’intervento di Sparta; lo dice la figura e l’orientamento del suo più celebre antagonista, Pitagora, e lo stesso nome della colonia fondata in Italia da esuli samii (Dicearchia, «dominio del giusto» = oggi, Pozzuoli). Ma è con quindici opliti che, come attesta Erodoto (III 120), egli conquista il potere: gli inizi “oplitici” sono dunque attestati anche per lui. Egli sembra d’altronde, come Pisistrato, aver disarmato, cioè, di fatto, “disoplitizzato”, i concittadini (se è attendibile Polieno, I 23, 2), e governa perciò con l’aiuto di mercenari. 3) È possibile che fra i suoi avversari ci fosse anche il proletariato dei pescatori di Samo (i mythiētai di cui parla Anacreonte). Non è invero chiaro il peso di questo strato sociale nell’opposizione a Policrate, la quale aveva probabilmente altra struttura; Policrate non appare, in ogni caso, come il capo di un’alleanza tra ceti medi e proletariato[1].

Viceversa, la tirannide samia si segnala per caratteristiche che sono dell’ambiente e dell’epoca: essa si lega con ambizioni talassocratiche, che si esplicano, in particolare, in una temibile attività piratesca; è connotata dall’esistenza di una corte e di poeti di corte (Anacreonte, presente a Samo come poi anche ad Atene; Ibico); scatena, come si è detto, una dura reazione negli ambienti cittadini, che è accompagnata dal favore dell’opinione greca (come non risulta essere accaduto per tutte le opposizioni alle tirannidi), tanto che nel 524 ha luogo una spedizione di Spartani e Corinzi contro Samo, che però, dopo quaranta giorni d’assedio, si conclude con un nulla di fatto. D’altra parte, la tirannide samia appartiene inizialmente a quel tipo di tirannidi, proprie della Ionia, che costituiscono altrettanti regni fiduciari della Persia: il tiranno è in questi casi l’agente del Grande Re[2].

Ai Samii le liste canoniche della talassocrazia assegnano quindici anni. Le circostanze e la data della morte di Policrate sono ben note. La sua politica era troppo autonoma nei confronti del re di Persia e dei suoi satrapi, per non suscitare il sospetto e la gelosia; per conseguenza, il satrapo di Lidia, Orete, lo attirò con l’inganno a Magnesia sul Meandro, lo fece giustiziare come traditore del sovrano e ne crocifisse il cadavere, poco prima della morte di Cambise, perciò nel 522 a.C. Con riferimento ai quindici anni di talassocrazia samia, si fissa l’inizio della tirannide di Policrate ca. il 537 a.C., ma questo presuppone un’immediata coincidenza di tirannide e talassocrazia che, pur se probabile, non è del tutto sicura (un inizio della tirannide tra il 546 e il 540 non è insomma da escludere)[3].

Sul piano economico, nella tirannide di Policrate coesistono diversi aspetti che segnano altrettanti momenti di sviluppo: intensi rapporti internazionali (per esempio con il re d’Egitto, Amasi, finché in Egitto non si sovrapporrà il dominio persiano); sviluppo dell’industria della lana (con importazione di capre da Nasso e di pecore da Mileto); grandi opere portuali, costruzione di gallerie, acquedotti, nuovo tempio di Era: è la stessa situazione insulare a determinare qui il tipo di sviluppo economico.

Statua di marmo detta 'Ornithe', forse parte di un gruppo scultoreo, posto nell'antico Heraion di Samo (560-550 a.C. ca.), attribuita a Geneleo. Berlin, Pergamon Museum

Statua di marmo detta Ornithe, forse parte di un gruppo scultoreo, posto nell’antico Heraion di Samo (560-550 a.C. ca.), attribuita a Geneleo. Berlin, Pergamon Museum.

 

************************

Bibliografia:

E. Cavallini (cur.), Samo. Storia, letteratura, scienza (Atti delle giornate di studio, Ravenna, 14-16 novembre 2002), Pisa-Roma 2004 (vd. in partic. D. Musti, Policrate e Pisistrato: un confronto, ibid., pp. 97-116.

V. La Bua, Il papiro Heidelberg 1740 ed altre tradizioni su Policrate, MGR, Roma 1975, pp. 1-40.

************************

Note:

[1] Per l’interpretazione dei mythiētai come proletariato rivoluzionario di pescatori, cfr. S. Mazzarino, Il pensiero storico classico, I, Bari 1965, pp. 99, 155 sg., 220 (sul fr. 21 Gentili di Anacreonte).

[2] S. Mazzarino, Fra Oriente e Occidente. Ricerche di storia greca arcaica, Milano 19892, pp. 233-252.

[3] Cfr. M. Miller, The Thalassocracies. Studies in Chronography, II, Albany 1968, pp. 5-37; 72-76, passim.

Tirannidi arcaiche

di D. Musti, Storia greca. Linee di sviluppo dall’età micenea all’età romana, Milano 2010, pp. 160-176.

È più giusto parlare di passaggio dalle aristocrazie alle tirannidi, che non dall’aristocrazia alla tirannide: a significare che vi furono forme storiche ed esiti storici diversi di tirannidi, a seconda delle diverse situazioni e dei diversi contesti storici. La diversità dei casi, delle forme, degli sviluppi nulla toglie comunque alla legittimità di una considerazione sotto un profilo unitario delle tirannidi arcaiche, cioè di VII-VI secolo. Si potrà certamente distinguere tra le cosiddette tirannidi “istmiche” (di città più o meno gravitanti intorno all’istmo di Corinto: Corinto stessa, Sicione, Megara), altre, pur esse nella madrepatria greca, come quella di Atene o quella, diversa per l’aspetto cronologico e reale, di Argo; e tirannidi di città ioniche o egee, per noi un po’ più evanescenti, come quelle di Mitilene a Lesbo o di Mileto ed Efeso in Asia.

L’origine del termine

Una tradizione di scuola vuole che si cominci dai nomi. “Tiranno” e “tirannide” sono parole presenti nel vocabolario greco già dal VII secolo: Archiloco, nel VII secolo, Alceo, tra VII e VI, Solone e Teognide nel VI ne fanno già uso. Il significato di týrannos è «signore»; un suo più o meno diretto equivalente in un termine più trasparente alla luce del lessico greco è mónarchos, «colui che governa da solo». Queste parole indicano un potere personale assoluto, superiore a quello tradizionale dei basileîs, soprattutto perché non è definito in prerogative (ghéra) concordate dalla comunità e perciò non basato sul consenso; tuttavia molte volte i tiranni mirano ad assimilare il loro potere a quello di un basileús, e parte della tradizione letteraria antica, compresa la storiografia, obiettivamente li asseconda. Il termine týrannos porta peraltro già in Alceo una nota di condanna, che raggiungerà il suo valore più negativo negli scrittori del IV secolo, che risentono sia positivamente di un’ideologia democratica latamente diffusa, sia dell’esperienza negativa di tirannidi del V e del IV secolo, in particolare di quelle siceliote.
La parola týrannos non è di origine greca; a lungo si è ritenuta di origine lida (e gli antichi talora l’hanno, anche per lata assonanza, messa in rapporto con nomi orientali come il toponimo Týrrha, o con un nome di popolo come Tyrrhenoí, cioè gli Etruschi che proverrebbero dalla Lidia): forse si deve più in generale parlare di origine microasiatica. Un’origine orientale del nome, dati i precoci rapporti della Grecia – in particolare di quell’area istmica, e più specificamente corinzia, che conobbe precocemente la nuova forma politica – col mondo asiatico, non comporta una priorità delle tirannidi greche della Ionia. Ciò va detto tanto più chiaramente, quanto più risulta, in particolare dalle indagini di Mazzarino, la complessità del rapporto tra Lidia e regimi politici delle vicine città ioniche (proprio le aristocrazie ioniche ed eoliche sono particolarmente lidizzanti).
Della tirannide appare dunque radice necessaria e sufficiente una evoluzione interna della stessa pólis greca; essa può perciò avere ben avuto le sue prime manifestazioni in città della madrepatria greca, come del resto suggeriscono le cronologie fissate nella tradizione, che smentiscono, anche in questo caso, il pregiudizio molto diffuso dell’assoluta priorità ionica sul terreno delle esperienze politiche greche. Mai, come nel caso delle tirannidi, il problema cronologico appare come fondamentale per la ricostruzione storica: accettarne o respingerne il profilo cronologico tradizionale (più alto di quello suggerito e quasi imposto dalla prospettiva, in questo caso ipercritica, di Beloch) equivale ad avere opinioni radicalmente diverse in ordine al problema della regione in cui la tirannide fece la sua prima comparsa, della diversificazione dei caratteri di quel regime e del suo rapporto con i regimi del passato e del futuro a seconda delle diverse epoche, e così via di seguito. Sarebbe comunque davvero rischioso preporre l’indagine sulla parola týrannos (o tyrannís) a quelle cose: il buon ordine logico e storico è sempre quello che fa precedere, o almeno prevalere, le cose rispetto alle parole.

Mappa dell’area attorno all’Istmo di Corinto, con indicazione delle principali località.

Il dibattito sulla genesi della tirannide

Ricondotto a un momento dello sviluppo interno della pólis, il problema della genesi della tirannide consiste in primo luogo nella definizione del giusto rapporto tra tre termini in gioco: la tirannide stessa, l’aristocrazia, la struttura oplitica. Il rischio di vedere opposta la tirannide arcaica ad entrambi gli altri termini sembra minimo: una concezione meramente demagogica del tiranno, benché abbia qualche riscontro nella rappresentazione antica, che fu certo influenzata dalle tirannidi del IV secolo e di epoca ellenistica, non sembra avere molto spazio negli studi moderni. Un recente dibattito ha visto contrapposte una concezione che lega l’avvento della tirannide a quello dell’oplitismo, cioè della tattica propria della falange oplitica, e delle trasformazioni politico-sociali connesse (Andrewes, Salmon), ed una che considera l’avvento della tattica oplitica archeologicamente dimostrabile solo a metà del VII secolo a.C., se non più tardi, quando la tirannide potrebbe essere già affermata (Snodgrass). Il dibattito, per dotto che sia, sembra carente nella sua stessa base di partenza. Con Snodgrass, è giusto ammettere che la tirannide sia un momento della crisi dell’aristocrazia; ed è questo un nesso ben stabilito da Mazzarino nella sua lucida analisi dell’origine storica della tirannide. Il tiranno è un aristocratico che viene in conflitto con i suoi compagni di gruppo sociale. Ma, aggiungeremmo, anche i suoi scopi politici sono soltanto in parte in conflitto con quelli degli altri aristocratici. Se a crisi si dà il significato elementare di trasformazione, o piuttosto – visto che il processo storico è sempre un processo di trasformazione – quello di trasformazione accelerata in un determinato periodo, allora la tirannide è un momento di crisi dell’aristocrazia, che si determina nel seno stesso dell’aristocrazia. Il caso classico è quello del corinzio Cipselo, che nasce da Labda, una donna della dominante aristocrazia bacchiade, e da un uomo del dēmos di Petra, Eezione; e il governo di Cipselo appare, nella stessa tradizione erodotea e ancor più nella tradizione storiografica successiva, come un governo mite, o comunque meno immite di quello del successore Periandro; è solo nel corso della seconda generazione che si accentua la lacerazione tra il tiranno e l’ambiente aristocratico da cui egli proviene. Il nesso originario aristocrazia-tiranno (lasciando per il momento da parte i successivi sviluppi socio-politici ed economici) è dunque innegabile.

L’«Olpe Chigi» (Particolare), due falangi oplitiche che si affrontano, da Veio. Pittura vascolare da un olpe tardo-corinzio a figure nere e policrome. 630 a.C. ca. Roma, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia.

Sembra invece un esercizio alquanto dispendioso di energie intellettuali quello profuso per stabilire che la prima tirannide greca sia anteriore di qualche anno alla prima testimonianza archeologica dell’uso di una tattica oplitica. Tale sforzo dimostrativo si giustificherebbe solo se si potesse affermare che l’aristocrazia prima del 650 a.C. sia ovunque in Grecia, e in particolare, nella città dell’Istmo, un’aristocrazia equestre. D’altra parte, per la ricostruzione della storia dell’oplitismo, non è in gioco solo il momento della più evoluta organizzazione oplitica, ma anche quello delle sue premesse, che possono essere anteriori di decenni o di secoli (qual è l’arme della gran parte delle aristocrazie dei secoli bui?). E inoltre, le prime rappresentazioni vascolari o scultoree sono da considerare con sicurezza come registrazioni immediate di un’innovazione assoluta? O l’evoluzione nella rappresentazione potrebbe spiegarsi più con un progresso nella tecnica rappresentativa che non con una trasformazione della cosa rappresentata? Ora, una volta considerato l’oplitismo come espressione militare di gran parte delle aristocrazie greche già nell’alto arcaismo, la spinosa questione del prima e del poi, tra tirannide e oplitismo, perde di significato. L’oplitismo sembra infatti esso stesso espressione dell’aristocrazia e insieme di quel che ad essa si appoggia e si subordina, perciò l’espressione militare allargata dell’aristocrazia. La tirannide ora nasce come espressione dell’oplitismo ora viene in conflitto con esso: quest’ultimo è appunto il caso delle generazioni più tarde, all’interno delle tirannidi più arcaiche (Corinto o Sicione), e l’esito normale delle tirannidi più recenti (come quella di Atene).

Mileto. Planimetria del Didymaion, santuario di Apollo in età arcaica (elaborazione grafica da Gruben, 2001).

Sul terreno dello sviluppo delle forme politiche, sembra difficile sottrarsi a una concezione dialettica della genesi della tirannide dall’oplitismo e dalla stessa aristocrazia. Il maggior supporto a questa concezione è proprio nella Politica di Aristotele, là dove il filosofo-storico afferma che i tiranni di epoca arcaica erano generali passati alla politica o (come egli dice) alla demagogia, nel senso lato di politica svolta in favore del dēmos (V 1305a 7 sgg.). Aristotele considera anche il caso di una degenerazione verso la tirannide di una regolare magistratura o carica (come la pritania a Mileto): anche questo un esempio di quell’evoluzione interna dei vecchi regimi che è all’origine della tirannide. Ma ancor più interessante è ciò che il filosofo-storico dice del profilo sociologico della tirannide e che pone immediatamente il problema della sua compatibilità (a nostro avviso esistente) con l’inquadramento cronologico e causale dato alla tirannide da Tucidide. Secondo Aristotele, dunque, «per il fatto che allora non erano grandi le città, ma il popolo abitava nei campi, intento ai lavori (agricoli), i campioni del popolo, quando fossero bravi soldati, aspiravano alla tirannide». Il quadro sociologico e socioeconomico della base della tirannide è perciò quello di una popolazione contadina che si lascia rappresentare da un capo. La rappresentazione è fondamentalmente diversa da quella fornita da molti studiosi, che accentuano l’aspetto mercantile delle tirannidi, in particolare da Ure, che nel 1922 proponeva un’equazione tirannide=mercanti oggi non più in auge. Molto spesso è stata addotta, in sostegno di questa concezione, la testimonianza di Tucidide (I 13), per il quale «divenendo più potente la Grecia e attribuendo al possesso delle ricchezze un valore anche maggiore di prima, per lo più sorgevano tirannidi nelle città, mentre le entrate diventavano maggiori (prima c’erano monarchie ereditarie con prerogative definite), e la Grecia allestiva flotte, e in generale i Greci si dedicavano di più al mare». Il contrasto con Aristotele è solo apparente: Tucidide non dice che i tiranni siano mercanti, o rappresentanti dei mercanti; dal canto suo, Aristotele invece dice che la base sociale delle tirannidi è nelle campagne (e adduce gli esempi di Atene e di Megara). Quel che Tucidide fornisce è dunque un inquadramento in primo luogo cronologico (tra l’inizio del processo di colonizzazione e l’avvio della potenza coloniale corinzia) e di sviluppo economico complessivo, che naturalmente include anche, nei fatti, uno sviluppo commerciale (e d’altra parte è chiaro che all’orizzonte del quadro storico di Tucidide è Corinto, città-paradigma di uno sviluppo mercantile in età arcaica). Aristotele dunque definisce la base sociologica della tirannide, Tucidide ne fornisce l’inquadramento cronologico e storico-economico: a rigore, sono due angolature diverse, non necessariamente due opinioni in contrasto fra loro. Tali considerazioni inducono, da un lato, a non ricercare una formula unica per caratterizzare la tirannide, perché vi sono varianti locali; dall’altro raccomandano invece di non esasperare le differenze, perché una base sociale agraria è quasi ineliminabile, e un contesto di accelerato sviluppo economico è per tutte innegabile.

Corinto. Statere, 450-415 a.C. ca. AR 8, 46 gr., Raffigurazione di Pegaso, simbolo della città, rivolto a destra.

Paiono dunque in qualche misura giustificate le posizioni di quegli studiosi che si rifiutano di individuare una causa unica nella nascita delle tirannidi. Un empirismo di fondo caratterizza significativamente le impostazioni di studiosi così diversi fra loro come un Andrewes e un Berve. Andrewes nega giustamente che la genesi delle tirannidi sia da ricondurre a conflitti razziali (benché, nel caso di Sicione, sia documentata la posizione anti-dorica di un Clistene, una posizione che tuttavia ha anche una più complessa spiegazione). Per Berve la tirannide, in termini generali, si può ricondurre a spinte individualistiche; e certo questa è una forma di schematico e riduttivo positivismo. Fortunatamente però la ricchissima analisi di Berve, in quella che ormai è ed è destinata a restare come la base filologica indispensabile per qualunque ricerca sulla tirannide nel mondo greco, smentisce la rappresentazione generalizzante della prefazione e dà pieno conto della ricchezza delle motivazioni politiche e socioeconomiche, che sono all’origine delle tirannidi.
Talora la tirannide è stata posta in un rapporto diretto e immediato con lo sviluppo mercantile o ancor più specificamente con quello dell’economia monetaria. In realtà si può affermare una stretta connessione della tirannide con lo sviluppo demografico ed economico della Grecia tra VIII e VII secolo; esso ha come conseguenza un ampliarsi del campo dei bisogni e dei conflitti sociali, a cui le vecchie strutture aristocratiche non rispondono più. La tirannide è quindi certamente espressione di movimenti significativi nell’economia e nella società antica e, in quanto tende a interpretarli e guidarli nelle forme del potere personale (cioè familiare), li sollecita e promuove a sua volta. Ma non è possibile definire una volta per tutte una specifica caratteristica economica della tirannide come tale, e spesso – come è nel punto di vista forse parziale, ma non erroneo, di Aristotele – la sua base sociale è proprio nel contado.
La problematicità dell’equazione tirannide=sviluppo del commercio risulta già dalla considerazione della storia dell’economia di Corinto arcaica. La dinastia dei Bacchiadi regge Corinto fino dalla metà del VII secolo a.C., quando la ceramica proveniente dalla regione ha già conosciuto un secolo di sviluppo (protocorinzio antico e medio: circa 740-650 a.C.) e ha avuto, non più tardi del 700 a.C. (quindi certamente già in periodo bacchiade), una produzione e diffusione di massa. L’esatta definizione del rapporto tra aristocrazia bacchiade e artigianato/commercio corinzio è uno dei problemi centrali, se non addirittura il problema-tipo e la questione paradigmatica, per la rappresentazione del rapporto tra economia, società e politica nella Grecia arcaica.
Appare sempre più difficile, cioè affidata ad un’interpretazione riduttiva, che rischia di essere poco più che casuale, la rappresentazione del rapporto tra aristocrazia e commercio corinzio come un fenomeno puramente parassitario, quasi si tratti solo di prelievo di balzelli su un commercio di transito. L’artigianato e il commercio corinzio comunque c’erano, anche se la grande tradizione storiografica, forse per condizionamento ideologico, tace di essi, come del diretto coinvolgimento degli aristocratici nelle due attività produttive. È difficile tuttavia che non vi fosse una qualche vigilanza dell’aristocrazia sull’attività artigianale o una qualche promozione di essa; e di un’implicazione diretta di un membro dell’aristocrazia bacchiade nel commercio parla una tradizione tarda e discussa, secondo cui un Demarato (padre del futuro re di Roma, Tarquinio Prisco) esercitò il commercio tra la Grecia e l’Etruria, con una sua nave e un suo proprio carico.

Corinto

Quale fu, in questa situazione, la funzione della tirannide? Il periodo della produzione ceramica qualitativamente migliore a Corinto è quello che va sotto il nome di tardo protocorinzio, e questo occupa gli anni 650-630 a.C. circa (seguiti da un pregevole periodo di transizione); successivamente (620-550 a.C. circa) si ha lo sviluppo della ceramica corinzia, di qualità inferiore, ma di diffusione assai vasta; il problema della cronologia della tirannide dei Cipselidi diventa in queste condizioni decisivo anche per la questione del significato del regime sul piano economico. Chi accetta la cronologia tradizionale (inizio al 657 a.C. circa), vede nella tirannide corinzia una forma politica che non crea l’artigianato, e commercio, ma che comunque continua, e porta al perfezionamento e a uno slancio produttivo ulteriore, attività economiche già prima ben presenti. Chi invece abbassa l’avvento di Cipselo al 610 a.C. (come Beloch) o al 620 circa (come Will), e per conseguenza al 540 circa la fine della tirannide, da un lato deve attribuire al periodo dell’aristocrazia bacchiade il momento del più alto sviluppo artigianale, dall’altro deve ammettere che artigianato e commercio corinzio si esauriscano proprio nel periodo della tirannide, che sopravviverebbe alla crisi di quelle attività produttive. Ora, è giusto osservare che a Corinto l’artigianato e il commercio non sono apporto specifico della tirannide: questa nasce anzi dall’interno contadino, e di questo è geneticamente il frutto. Tuttavia, sarebbe espressione di rigido primitivismo negare l’interesse dei Cipselidi, e in particolare di Periandro, all’espansione commerciale, sia in Occidente sia in Oriente: basti pensare alla creazione del díolkos, il “tramvai” dell’Istmo per il trasporto delle imbarcazioni, o allo sviluppo, accanto al porto del Lecheo sul golfo Corinzio, anche di quello di Cencree sul golfo Saronico, o alla fondazione di nuove colonie, da Leucade ad Ambracia e ad Anattorio sul mar Ionio, a Potidea nella Calcidica (Egeo settentrionale).

Corinto. Tempio di Apollo. Ordine dorico, metà VI sec. a.C.

E certamente non sarebbe neanche facile dare un’immagine univocamente agraria della politica economica e sociale dei tiranni. Per Sicione si ha ad esempio traccia di provvedimenti volti a scoraggiare l’immigrazione di gente dal contado in città, se davvero nei katonakophóroi (“portatori di katonákē”, cioè di un mantello col bordo in pelle di pecora), si debbono vedere dei contadini, a cui il tiranno imponeva in città una sorta di umiliante “uniforme”, atta a rivelarne la provenienza e la condizione sociale. Su più solide basi pare attestata la tradizione attidografica sulle provvidenze di Pisistrato per la rivitalizzazione dell’agricoltura dell’Attica, che per sé equivaleva a un freno posto a uno sviluppo eccessivo dell’urbanesimo. D’altra parte, che ci sia qualcosa in comune tra la tirannide di Sicione e quella di Atene, sotto questo profilo, risulta dal fatto che l’una e l’altra segnano uno sviluppo del culto di Dioniso; ad Atene si aggiunge l’ingrandimento del santuario di Eleusi. Questo però non significa puro e semplice sviluppo dei culti agrari, o della campagna ai danni della città. Le opere pubbliche realizzate dai tiranni nella città (ad Atene questo aspetto è ben documentabile) significano attenzione alla città e promozione del suo sviluppo materiale e funzionale, che però non è ancora programmatico incremento urbano; quest’ultimo sarà ad Atene piuttosto l’apporto della democrazia.

Ctesila, Busto di Periandro di Corinto. Marmo, copia romana da un originale greco del IV sec. a.C. Roma, Musei Vaticani.

 

Sul piano socio-economico il tiranno tende ad esercitare una funzione propulsiva, diffusa su tutte le attività, nella prospettiva di un equilibrio nuovo, che consenta di dare qualche risposta ai bisogni elementari degli strati più poveri, senza però farli entrare ancora nella sfera del potere, che resta personale e, nonostante tutto, fortemente condizionato dal punto di partenza politico delle tirannidi medesime. Come sul terreno sociopolitico il tiranno occupa progressivamente il campo mediano dello spazio sociale, così sul terreno economico egli si pone come fattore propulsivo delle più diverse attività produttive, con incremento anche di quelle meno tradizionali, che possono rispondere all’accresciuto e aggravato bisogno economico complessivo, già per il fatto che costituiscono ulteriori fonti di sostentamento. Il fatto poi che nella tradizione queste attività produttive, proprio perché meno tradizionali, possano essere talora messe in una luce particolare, a scapito di altre, non autorizza lo storico di oggi a stabilire connessioni univoche tra la tirannide e una determinata forma economica.
Ma della quantificazione politica della tirannide può dare una giusta idea, oltre alla considerazione della sua genesi, anche quella dei suoi sbocchi, dei suoi esiti sociopolitici: ci si accorgerà infatti che in molti casi si è operato un indebito trasferimento, verso la fase iniziale di una tirannide, di quelle caratteristiche che essa assume invece solo in una fase avanzata, o addirittura finale, della sua storia, comunque ad opera di un tiranno diverso dal fondatore del regime.
La tirannide non è sempre l’anticamera della democrazia. Lo è là dove tutto il processo politico è spostato in avanti (e ciò è documentabile ad Atene, assai meno a Megara); questo accade naturalmente nelle epoche più avanzate; ma, anche in questo caso, il passaggio dalla tirannide alla democrazia non è né diretto né indolore, ed è quindi compito dello storico mettere in luce quei dati nuovi che la tirannide comporta e che trovano un loro diverso e compiuto sviluppo nella democrazia: formazione di un potere al di fuori e al di sopra della semplice somma dei cittadini; sviluppo della fiscalità; elaborazione e articolazione della stessa idea e forma di città. Tuttavia il verificarsi del fenomeno della tirannide non lascia in nessun caso le cose immutate; anzi, come risultato minimo (che è poi quello più spesso ricorrente), esso produce un’aristocrazia moderata, cioè più temperata rispetto a quella precedente la tirannide. Una via classica è quella dell’allargamento del corpo civico, quale si può ottenere mediante l’ampiamento del numero delle tribù. Il caso più evidente è quello di Sicione: Clistene (circa 610/600-580/570 a.C.) alle tre vecchie tribù dell’aristocrazia dorica (apparentemente deformate nei loro nomi) aggiunge una quarta tribù, che si chiamerà, durante la tirannide, degli Archḗlaoi e più tardi si assesterà su una denominazione Aighialeîs, che recupera al tempo stesso il nome originario di Sicione (Aighiáleia) e il nome di un figlio dell’argivo Adrasto (Egialeo), eroe caro all’aristocrazia dorica di Sicione, il cui culto Clistene aveva appunto sostituito con quello dell’antagonista tebano Melanippo e del dio Dioniso. Con tutto ciò, la forma di governo di Sicione, sessant’anni dopo la fine di Clistene, era oligarchica. E tale resta anche la costituzione di Corinto, benché, dopo la fine dei Cipselidi, in base a un passo di Nicolao di Damasco che parla dell’istituzione di otto probuli e di nove buleuti (per ciascun probulo, quindi settantadue?), si sia potuto ammettere che le cifre otto e (forse) ottanta in questione, in quanto multiple di quattro, presuppongono anche a Corinto una ampliamento delle strutture civiche da tre a quattro tribù (con tutto quel che tale ampliamento comporta, di pur limitate modifiche).

 

Albero genealogico dei Cipselidi. K.J. Beloch, Griechische Geschichte, I 2, Strasbourg 1916, p. 283, collazionato con H. Berve, Die Tyrannis bei den Griechen, p. 757 [linee tratteggiate].


Si è tentato di definire in termini sociopolitici la novità della tirannide rispetto all’aristocrazia. Ma tutte le definizioni che prescindono da quel rapporto dialettico tra aristocrazia, oplitismo e tirannide che abbiamo proposto (rapporto nel quale ogni forma successiva è compresa o preannunciata o generata nella precedente e al tempo stesso si colloca fuori di essa, è perciò dentro e fuori della forma politica precedente), finiscono col dare della tirannide un quadro che la fa somigliare molto alla democrazia (sì che non si vede più perché la tirannide non sarebbe dovuta sfociare nella democrazia, o perché, dove ciò è stato, non sia accaduto senza convulsioni storiche). Più volte si legge infatti che la tirannide risulta dall’alleanza tra la classe oplitico-contadina (intesa come totalmente estranea e contrapposta all’aristocrazia) e il proletariato urbano (o anche rurale), nei termini schematici di un’alleanza tra ceto medio e popolo. Ma, a guardar bene, questa è proprio la formula sociopolitica della democrazia classica, la quale non ha mai in Grecia caratteri rivoluzionari, bensì, anche e proprio nella sua forma storicamente più avanzata, è l’esito di un’alleanza tra ceti medi (quelli che proprio la democrazia ha sviluppato e potenziato come tali, cioè quantitativamente e politicamente) e proletariato dei teti, quindi tra medi e piccoli proprietari terrieri ed eventuali imprenditori, da un lato, e braccianti e salariati dall’altro. Ora, la diversità della tirannide rispetto alla democrazia è proprio nel suo conservare (soprattutto nelle prime fasi) gli originari legami con l’aristocrazia oplitica, nonostante tutte le frizioni, gli attriti, i contrasti, i conflitti. Come quel nesso originario è, nonostante tutto, presente, la tirannide, non nella sua genesi, ma nel suo esito sociopolitico complessivo, viene dunque a realizzare una posizione di equilibrio fra i diversi ambienti sociali; e, pur nascendo dalla classe oplitica e dall’aristocrazia, il tiranno viene ad occupare la posizione mediana del campo sociale complessivo, sì che riflette al contempo le sue origini dalla società oplitica e la sua attenzione alle esigenze del popolo minuto. Questo emerge via via più nettamente nel corso del tempo, cioè col passare degli anni o dei decenni di una tirannide, e si coglie probabilmente con più evidenza nella seconda generazione (stando alle fonti, che potrebbero però talora essere un po’ schematiche e che comunque vanno valutate a seconda dell’epoca a cui appartengono). La funzione di equilibrio viene meno, d’altra parte, via via che si va avanti nel tempo e si passa ad un’ulteriore generazione, via via quindi che si accentuano gli aspetti personalistici o le forme di violenza del potere tirannico, caratteristiche che finiscono con l’isolarlo dalla società che esso ha contribuito a creare. Non è dunque un caso che le tirannidi arcaiche non riescano a completare facilmente più di due generazioni di permanenza al potere, e che già alla terza esplodano tutti i conflitti di cui la forma personale del potere ha posto le premesse: quando esse durano più dei cinquanta o settant’anni circa che corrispondono a due generazioni, la cosa è così eccezionale da dover essere notata. Aristotele, attentissimo alla connessione tra aspetti cronologici e sociologico-storici, sottolineava la durata eccezionale di cento anni per gli Ortagoridi di Sicione: il che significa tre generazioni piene, anzi uno spazio che arriva a includere almeno le akmaí di quattro di esse.
La considerazione del profilo storico di alcune tirannidi (Corinto, Sicione, e più avanti Atene, Samo) renderà più evidenti sia i problemi già enunciati sia quelli che ci accingiamo ad affrontare in chiusura.

Corinto. ‘Via del Lecheo’.

A instaurare la tirannide a Corinto, la città dell’Istmo, privando del potere politico l’aristocrazia assai esclusiva dei Bacchiadi, è Cipselo, il figlio di Labda, una donna zoppa dello stesso clan dei Bacchiadi, e di un uomo di nome Eezione (< aetós = “aquila”), del dēmos di Petra: che dēmos sia indicazione di luogo, o di ceto sociale, esso lega al territorio, assai più che al mare, le origini di Eezione. Si pone semmai, proprio per gli aristocratici Bacchiadi, il problema del loro rapporto col mare e col commercio, cioè con i traffici che si svolgono attraverso il territorio di Corinto e attraverso l’Istmo, sia in direzione longitudinale (tra Peloponneso e Grecia “continentale”) sia in direzione trasversale (tra Mar Egeo e Golfo Corinzio, e regioni ulteriori). Erodoto riporta tre oracoli, nel suo ampio resoconto dell’origine della tirannide a Corinto (un racconto di segno fondamentalmente negativo, essendo incluso nel discorso pronunciato dal corinzio Socle circa il 506 a.C., contro l’ipotesi spartana di restaurare ad Atene l’abbattuta tirannide di Ippia: un grande exemplum storico-politico, dunque).
Il primo degli oracoli, in ordine di tempo, rilasciati ai Bacchiadi (V 92 β 3) annunciava, con tono ostile verso il nascituro Cipselo, che un’aquila (aetós) avrebbe partorito «un forte e crudele leone, che avrebbe abbattuto molti». Gli altri due erano assai più favorevoli ad Eezione e a Cipselo. Quest’ultimo veniva paragonato (V 92 β 2) ad un macigno che, rotolando dall’alto, sarebbe piombato addosso ad ándres moúnarchoi (= “uomini tiranni”) ed avrebbe punito (o meglio «livellato») Corinto. L’altro oracolo (V 92 ε 2) esaltava la felicità di Cipselo visitatore del santuario delfico e prometteva a lui e ai suoi figli, ma non alla generazione dei nipoti, il regno sull’illustre Corinto. Sorti forse solo durante, o addirittura dopo, la tirannide dei Cipselidi, questi oracoli riflettono complessivamente una valutazione positiva di Cipselo. Interessante il fatto che ai Bacchiadi venga riservata quella qualifica di “monarchi”, cioè “tiranni”, che altrimenti sembrerebbe più idonea a qualificare il regime dei Cipselidi (Cipselo sembra invece valere come un autentico basileús, al confronto con i Bacchiadi).
Un riflesso è nel passo di Strabone (VIII C. 378) in cui la storia arcaica di Corinto, opulenta in virtù dl controllo delll’Istmo, è così rappresentata dal geografo: «i Bacchiadi, che furono tiranni, e numerosi e di stirpe nobile, detennero il potere per circa duecento anni e sfruttarono tranquillamente l’empórion; abbattutili, Cipselo prese la tirannide per sé, e la sua casa rimase fino alla terza generazione…». Cipselo, che nel racconto erodoteo è meno crudele del figlio Periandro, ma pur si macchia di delitti («perseguitò molti Corinzi, molti privò delle ricchezze, moltissimi della vita», V 92 ε 2), diventa invece un personaggio nettamente positivo al confronto col figlio nella letteratura del IV secolo a.C., cioè sia nella probabile fonte (Eforo) di Nicolao di Damasco, sia nello stesso Aristotele. L’opposizione tra padre e figlio – o persino tra una prima e una seconda fase del governo del padre – , perciò l’idea di un peggioramento progressivo del regime quanto a rapporti con l’aristocrazia, verso una forma più chiaramente tirannica, è così comune a tutta la tradizione. In Erodoto gli aspetti negativi sono ben presenti anche per Cipselo; Nicolao invece parla di un Cipselo valoroso, moderato, generoso verso il popolo, mite giudice nella sua qualità di polemarco, giusto nemico dei Bacchiadi, dei quali uno uccide e gli altri induce all’esilio a Corcira. Forse l’ostilità del giudizio erodoteo riflette troppo da vicino lo scopo del discorso di Socle (una requisitoria contro i mali della tirannide), per essere preso come una disinteressata testimonianza sul giudizio corrente su Cipselo; benché presenti alcuni inequivocabili tratti retorici e forse taluni anacronismi, il ritratto di Nicolao può dunque essere più vicino all’idea corrente su Cipselo e forse alla verità storica.

Pittore di Ippolito. Scena di combattimento. Pittura vascolare da un cratere a colonnine corinzia, da Corinto. 575-550 a.C. Paris, Musée du Louvre.

 

L’asprezza del conflitto della tirannide con i Bacchiadi ha del resto una sua qualche giustificazione nel carattere esclusivo e statico della dinastia bacchiade medesima, un’oligarchia con caratteristiche abitudini endogamiche, di re discendenti da un ramo eraclide cadetto (Eracle-Antioco-Filante-Ippote-Alete), che avevano regnato a Corinto (Alete-Issione-Agela-Primnide-Bacchide) dal 1074 fino all’891 a.C., per poi prendere, con Bacchide (o Bacchiade), la basileía e detenerla ancora fino al 747 a.C. Successivamente il clan aveva dato vita a una forma “repubblicana”, in cui al vertice della comunità non era più un basileús, ma un prýtanis, cioè un “principe”, un magistrato annuale, scelto però sempre all’interno di quella ristretta oligarchia (e il periodo di “rotazione” pritanica sarebbe durato novant’anni, dal 747 al 657). Il conflitto con questa oligarchia non fa dunque probabilmente di Cipselo un nemico dell’aristocrazia in generale; comunque, non ne fa un nemico della “classe oplitica”. È in virtù della sua funzione di polemarco, cioè di “capo militare” (capo di opliti, naturalmente), che egli si mette in luce e può aspirare a rovesciare il precedente regime. Di lui dice Aristotele, quando sottolinea la durata dei Cipselidi (secondi in graduatoria, per questo aspetto, dopo gli Ortagoridi) e attribuisce trent’anni di tirannide a Cipselo, quaranta e mezzo a Periandro, e tre a Psammetico, figlio di Gorgo, fratello di Periandro: «Cipselo fu demagogo e rimase al potere senza guardia del corpo, Periandro fu autenticamente tirannico, ma valido guerriero». Forse è da dubitare alla rappresentazione spiccatamente demagogica, che la letteratura del IV secolo dà delle tirannidi, addirittura nelle loro prime manifestazioni: di questa infatti non è traccia nel quadro che Erodoto fornisce di Cipselo (e un aristocratico come Socle avrebbe avuto ogni ragione di farne menzione). Il peggioramento è evidente con Periandro, che si circonda di trecento guardie del corpo (doryphóroi), impedisce ai cittadini di acquistare schiavi (li impedisce perciò della loro libertà economica), spoglia dei loro gioielli le donne di Corinto (tutte cose che dunque il padre non faceva), compie nefandezze d’ogni genere, anche verso i suoi familiari (uccide la moglie Melissa, figlia del tiranno di Epidauro, Procle, e poi però commette necrofilia sul suo cadavere; perseguita un figlio; realizza insomma quella solitudine totale che diventerà uno dei topoi del destino umano del tiranno). Socle invero, in Erodoto, ammette che giusto all’inizio Periandro fosse più mite del padre: ma abbiamo visto quale limitazione riceva la condanna di Cipselo in Erodoto dal contesto in cui s’inserisce il racconto, ostile peraltro sia ai Bacchiadi sia al loro nemico ed eversore, Cipselo, e alla discendenza di questo.
Socle, alla fine del VI secolo, è in definitiva il portavoce proprio di quella forma politica che a Corinto era risultata dalla tirannide e poi dal suo abbattimento: non una democrazia (che è in quegli anni l’innovazione politica di Atene), ma un’aristocrazia, certamente però più moderata di quella dei Bacchiadi; un regime per il quale Erodoto (o Socle, in Erodoto) sembra suggerire, come definizione utile, un neologismo (o comunque una parola rara) quale isokratía (V 92 α 1), una parola che, opponendosi a tirannide, sembra unificare in un più vasto contesto politico sia la forma democratica (che gli Spartani paiono voler abbattere ad Atene, per favorire il rientro di Ippia) sia la forma non democratica, ma certamente anche non tirannica, che ormai nel VI secolo avanzato Corinto conosce (un’aristocrazia allargata e temperata, come abbiamo detto).

 

Sicione

Anche nella storia della tradizione sulla tirannide degli Ortagoridi nella città peloponnesiaca di Sicione (appena 20 km a nord-ovest di Corinto) si coglie una accentuarsi progressivo della rappresentazione dei caratteri popolari della tirannide. In questo caso addirittura si ha, riflessa in Diodoro (VIII, 24) come in un papiro di Ossirinco (P. Oxy. XI, 1365a 32), una tradizione (che, come tale, sarà del IV secolo a.C.), secondo cui il capostipite della dinastia, Andrea, sarebbe un mágheiros (“cuoco”) dei sacrifici, cioè un inserviente addetto alle cerimonie sacrificali, che un oracolo annunciava stesse per dare origine a un lungo periodo di tirannide per la sua città. L’uomo, di origine e di animo piccoli, trascurò l’oracolo: ma il figlio Ortagora (come scrive il papiro), illustratosi nel servizio militare prima come guardia territoriale e poi via via fino alla carica suprema di polemarco (sempre dunque in virtù di una carriera oplitica), conquistò il potere. Erodoto (VI, 126) ci fornisce la genealogia di Clistene, il più illustre degli Ortagoridi, dicendolo figlio di Aristonimo di Mirone di Andrea. Certo, sia Clistene (evocato in funzione del nipote Clistene ateniese e del discendente Pericle) sia, e a maggior ragione, i suoi antenati cadono fuori del “campo storico” peculiare delle Storie erodotee (circa 570/560-478 a.C.). Perciò può non essere molto significativo il fatto che Erodoto nulla dica di Andrea: forse anch’egli ne conosceva l’umile condizione, o forse il tema è proprio della letteratura più tarda, o quanto meno è solo da essa particolarmente sviluppato.

Sicione, Rovine di un tempio dorico.

Comunque, anche nella storia della tirannide di Sicione, c’è un peggioramento del regime politico e dei comportamenti del tiranno, via via che si procede nel tempo. Erodoto non esprime invero giudizi negativi in prima persona su Clistene: ma questa cautela appare dovuta ad una qualche forma di rispetto per gli Alcmeonidi, con cui Clistene si imparentò, dando la figlia Agariste in moglie all’ateniese Megacle circa il 580 a.C. Infatti, indirettamente o implicitamente, il giudizio di Erodoto presenta elementi critici: la Pizia aveva ammonito Clistene a non espellere da Sicione il culto dell’argivo Adrasto, perché questi era (stato) re dei Sicionii, e lui, Clistene, ne era il lapidatore; Clistene ricorre allora a una mēchanḗ, cioè a un astuto e un po’ perverso “espediente”, introducendo il culto del tebano Melanippo (V 67,2); e in occasione delle riforme delle tribù, ridenominate Hyâtai, Oneâtai, Choireâtai (cioè Suinidi, Asinidi, Porcidi), invece di Illei, Dimani, Panfili, Clistene, secondo Erodoto (V 68,1), «molto derise i Sicionii», visti nel loro complesso. Ma forse, ancor più degli elementi negativi che connotano esplicitamente Clistene (al confronto con ipotizzabili comportamenti più riguardosi), conta l’implicito suggerimento erodoteo che i predecessori non innovarono, quanto a culti e istituti aristocratici tradizionali, se ad innovare fu Clistene. Se dunque teniamo conto del quadro storico successivo, Andrea non rivestì la tirannide: solo Mirone, Aristonimo, Clistene e un successore vengono in questione per questo regime tirannico di eccezionale durata. Ed è solo con Clistene che i rapporti con l’aristocrazia si deteriorano radicalmente.
Sulla biografia e sul carattere di Clistene di Sicione gli autori più tardi hanno comunque da dire alquanto più di Erodoto. Nicolao di Damasco lo conosce come dólios, phoberós, drastḗrios, cioè come “uomo d’inganni”, “temibile”, “audace”, ma soprattutto come tiranno più violento e più crudele (biaiótatos…kaì omótatos) di tutti i suoi predecessori. Il divario fra la prima generazione (o le prime generazioni) e le generazione successive si accentua, insomma, negli scrittori più tardi, ma è già implicito in Erodoto. […]

 

Bibliografia:

A. Andrewes, The Greek Tyrants, London 1956.
H. Berve, Die Tyrannis bei den Griechen, München 1967.
G. Bockisch, Kypselos un die Bakchiaden, «Klio» 64, 1982, pp. 51-66.
L. Braccesi, Caratteri della tirannide e dinamica sociale, in Storia e civiltà dei Greci 2, Milano 1978.
P. Cartledge, Hoplites and Heroes: Sparta’s Contribution to the Technique of Ancient Warfare, «JHS» 97, 1977, pp. 11-27.
F. Cassola, Erodoto e la tirannide, in F. Brolio (cur.), Xenia. Scritti in onore di P. Treves, Roma 1985, pp. 25-35.
C. Catenacci, Il tiranno e l’eroe. Per un’archeologia del potere nella Grecia antica, Milano 1996.
R. Drews, The First Tyrants in Greece, «Historia» 21, 1972, pp. 129-144.
A. Griffin, Sikyon, Oxford 1982.
P.A.L. Greenhalgh, Early Greek Warfare: Horsemen and Chariots in the Homeric and Archaic Ages, Cambridge 1973.
D. Hegyi, Der Urspring der Aisymneteia, «ACD» 13, 1977, pp. 7-10.
J. Labarbe, L’apparition de la notion de tyrannie dans la Grèce archaïque, «AC» 15, 1971. pp. 471-504.
D. Lanza, Il tiranno e il suo pubblico, Torino 1977.
A. Mastrocinque, Ricerche sulla storia greca arcaica, I: Clistene lapidatore di Sicione, «RIL» 111, 1977, pp. 167-174.
S. Mazzarino, Fra Oriente e Occidente: ricerche di storia greca arcaica, Firenze 1947.
C. Mossé, La tyrannie dans la Grèce antique, Paris 1969.
N. Nuraghi, Tirannidi arcaiche in Sicilia e Magna Grecia da Panezio di Leontini alla caduta dei Dinomenidi, Firenze 1994.
S.I. Oost, Cypselus and the Bacchiad, «CPh» 67, 1972, pp. 10-30.
G. Plass, Die Tyrannis in ihren beiden Perioden bei den alten Griechen, Leipzig 1859.
J. Salmon, Political Hoplites?, «JHS» 97, 1977, pp. 84-101.
A.M. Snodgrass, The Hoplite Reform and History, «JHS» 85, 1965, pp. 110-122.
M. Sordi, Clistene di Sicione e Delfi, «Aevum» 53, 1979, pp. 5-10.
C.G. Starr, The Economic and Social Growth of Early Greece, 800-500 B.C., New York 1977.
P.N. Ure, The Origin of Tyranny, Cambridge 1922.
H. Van Effenterre, La Cité grecque : des origines à la défaite de Marathon, Paris 1985.
E. Will,  Korinthiaka. Recherches sur l’histoire et la civilisation de Corinthe des origines aux guerres médiques, Paris 1955.

L’età della Tirannide

di L. Braccesi, Caratteri della tirannide e dinamica sociale, e sgg. R. Bianchi Bandinelli, Origini e sviluppo della citta. L Arcaismo. Il medioevo greco. Torino 1993.

 

Busto di Pittaco. Marmo. Copia romana del I secolo d.C. da un originale greco della tarda classicità. Musée du Louvre, Parigi

Busto di Pittaco. Marmo. Copia romana del I secolo d.C. da un originale greco della tarda classicità. Musée du Louvre, Parigi

 

La correlazione fra la genesi della tirannide e l’apertura ad un espansionismo marittimo da parte delle póleis è propria di Tucidide (I.13,1). Per altro, Erodoto (III.122,2) dice di Policrate di Samo – il più famoso dei tiranni della Ionia – che egli sognò il dominio sul mare. In effetti, in contrasto con la chiusa economia latifondista dei regimi oligarchici, l’età della tirannide si caratterizza nel risveglio prepotente di un espansionismo mercantile di carattere transmarino per parte di un nascente ceto medio, che riesce ad acquistare sempre maggior peso politico, opponendo, in una nuova dinamica sociale, beni mobili a proprietà fondiarie. È questa l’età infatti in cui gli Elleni acquisirono il controllo delle grandi rotte commerciali mediterranee e in cui l’esportazione di ceramica greca conosce il suo primo grande fiorire nel Ponto, in Oriente, in Egitto e nei mari occidentali. Ma tale è l’aspetto trionfante delle tirannidi.

L’origine di questo tipo di regime è altresì correlata ai profondi fermenti sociali verificatisi tra il VII e il VI secolo a.C.: le aspettative di rinnovamento di un mondo contadino sempre più soverchiato dall’espansione del latifondo, le aspirazioni alla conquista di uno spazio politico da parte del ceto artigianale urbano, e, infine, le rivendicazioni di un dēmos, ancora informe, ma che sta rapidamente maturando coscienza di sé grazie alla milizia oplitica. Tutti fattori che segnarono il risveglio della pólis e che accentuano il carattere rivoluzionario e dirompente con cui si ebbe la tirannide alle sue origini; la tirannide che non fu altro se non una tappa fondamentale della lotta di popolo, in funzione di scelte democratiche più avanzate, contro lo strapotere di una chiusa oligarchia, che, negava lo spazio politico all’iniziativa imprenditoriale del ceto artigiano e commerciante. Fattori peraltro che occorre valutare con flessibilità di giudizio, prestando attenzione al particolare contesto socio-economico di ogni singola pólis, perché la tirannide – pur al di là delle stesse aspirazioni dei tiranni – non fu un fenomeno supernazionale, ma squisitamente cittadino.
La tirannide, anche se fu signoria dello Stato retto autocraticamente, si appoggiò alle masse popolari, ne interpretò le istanze di rinnovamento sociale e rappresentò un momento rivoluzionario e non involutivo della vita della pólis. Ma proprio per questo suo carattere, dettato dalle contingenze, e al contempo provvisorio e temporaneo, essa fu fenomeno della storia sociale e non della storia costituzionale. Esaurita la sua funzione storica nella lotta contro i monopoli del potere oligarchico, doveva infatti cadere, travolta da nuove e più mature rivendicazioni popolari, per lasciar luogo all’edificio della πόλις democratica. Per questo non resse per più di una o due generazioni, e oltre tutto, nella maggior parte dei casi, degenerando dopo la prima: il che ne accentuò il carattere di assoluta condanna nelle fonti storiche di età successiva. In questa tradizione, definitivamente canonizzata nel pensiero politico del IV secolo a.C., in cui “tirannide” si qualificò – ben al di là del suo originario portato rivoluzionario – come antitesi ai concetti di “democrazia” e “isonomia”; in cui il giudizio di valore è ormai inesorabilmente condizionato, né dissociabile, dalla fiera polemica contro i regimi dispotici orientali o contro i più vicini regimi autoritari sorretti dall’oro macedone.
Ma il termine tyrannís non ebbe in origine valore dispregiativo: indicò “signoria”; e, termine del linguaggio domestico, si affermò sull’onda di rivendicazioni popolari a indicare il nuovo potere – sfuggente a qualsiasi definizione costituzionale – del capo-fazione assurto a guida della polis. Il detentore della tyrannís, il “tiranno”, è appunto nel giudizio popolare il demagogo che guida il plebeo contro il nobile, o il povero contro il ricco, in una dinamica di lotta sociale che mira a una trasformazione profonda della struttura cittadina. Il termine tyrannís, senza alcuna caratterizzazione di sapore politico, compare per la prima volta in un frammento di Archiloco:

Οὔ μοι τὰ Γύγεω τοῦ πολυχρύσου μέλει
οὐδ᾽εἶλέ πώ με ζῆλος οὐδ᾽ἀγαίομαι
θεῶν ἔργα, μεγάλης δ᾽οὐκ ἐρέω τυραννίδος…

A me non importano le ricchezze di Gige dal molto oro,
né mai ebbi desiderio, né ambisco
i beni degli dèi, né aspiro ad una grande tirannide
(fr. 19 West).

In questo passo, nell’elencare tre distinte ambizioni, la tyrannís non ha nulla in comune con Gige; questi, stando alla nostra testimonianza, non ebbe certo l’appellativo di týrannos: assurdo è quindi congetturare che il titolo, volto a designare i dinasti microasiatici, sia tardivamente giunto in Grecia da Oriente, per cui, gli Elleni, in nota polemica, l’avrebbero recepito in senso spregiativo. Per altro tyrannís e týrannos parrebbero termini estranei alla lingua lidia, mentre più elementi indurrebbero a pensare che fossero penetrati nel lessico greco già da età assai antica: la loro origine “popolare” potrebbe facilmente giustificarne l’estraneità al linguaggio aristocratico dell’épos. Týrannos, seppure senza nota d’investitura carismatica, sarebbe stato originariamente sinonimo di basileús: il termine popolare si sarebbe poi affermato, in antitesi a quest’ultimo, ad indicare con propria significanza politica i nuovi “principi”, perché più consono ad esprimere la fluttuante realtà del momento, perché estraneo al lessico aristocratico.

Per Archiloco, in ogni caso, tyrannís equivale a “signoria” e il termine, ben lungi da accezioni politiche, non ha ancora quella nota dispregiativa che acquisterà in età successiva, allorché tirannide equivarrà a “usurpazione”, soprattutto nella lirica corale e nella poesia tragica. Allora la definizione di týrannos implica allora un giudizio di valore: era tale chi, con atto di violenza politica, arbitrariamente infrangeva lo statuto giuridico della pólis; illegale non era il suo potere dispotico, bensì l’atto di usurpazione che commetteva, il quale giustificava il tirannicidio come un’azione pia e giusta. Týrannos e basileús non sono più, quindi, sinonimi, ma concetti del tutto antitetici: l’uno è il sovrano legittimo, l’altro l’usurpatore. La tirannide fu dunque intesa dal pensiero politico classico come una forma particolare, seppure “cattiva”, di costituzione, inserita, con rigido determinismo, fra oligarchia e democrazia. Tuttavia, pur a prescindere dalla troppo netta distinzione fra un regime ed un altro, incerti sono gli stessi confini della tirannide, delineati dalle fonti. Se da un lato vi era la “tirannide-usurpazione”, dai connotati rivoluzionari, dall’altro c’era la “tirannide elettiva”, dalle caratteristiche riformistiche: i tratti dell’una e dell’altra sono tutt’altro che ben definibili; piuttosto sono viziati, a priori, dall’ideologia e dalla particolare sensibilità partigiana degli autori. Per contenere le pressioni dal basso, l’oligarchia cittadina, cedendo gradualmente alle rivendicazioni popolari e salvare il salvabile, senza perdere il controllo della pólis, si rassegnò a darsi essa stessa un “arbitro” (aisymnḗtēs), un “mediatore” (diallaktḗs), o un legislatore (nomothétēs). Il compito di una figura tale fu quello di assicurare il nuovo assetto della città, accogliendo le istanze delle frange più umili della popolazione e contenerne le spinte più eversive, operando, di fatto, una sorta di “rivoluzione pacifica”.
Istituzionalmente, l’operato di questi “pacificatori” si presenta come una missione temporanea con trasferimento legale di poteri pressoché illimitati ad un singolo individuo, che , talora, in certi casi, poteva anche essere straniero; ma il “salvatore”, beninteso, espletato il suo compito, doveva tornarsene a vita privata. Quindi, senza alcun carattere di violenza politica, la “tirannide elettiva” – come la chiamò Aristotele (Polit. 1280a) – o, se si vuole, una forma di “dittatura” – come ebbe a dire Dionigi di Alicarnasso (Antiq. Rom. V.73). Ciononostante, venne stigmatizzata ugualmente come “usurpatoria” da quegli oligarchi che neppure si rassegnarono a concessioni moderate: per questo, l’esimneta Pittaco fu “tiranno” per Alceo.
In certi casi di tensioni interne poco violente, la situazione di particolare immobilismo politico bastò ad un esimneta per assicurare un graduale trapasso a regimi più democratici, mentre in altri, nonostante un regime “illuminato”, non impedì l’instaurarsi di una tirannide vera e propria.
In tutti i casi, comunque, la tirannide segnò un momento necessario e sufficiente all’evoluzione della politica greca. Molteplici furono le cause di questo fenomeno, le quali vanno di volta in volta rapportate alla realtà socio-economica di ogni singola realtà urbana. Come si è già anticipato, tuttavia, si possono elencare – in un esame globale – almeno tre fattori costanti:

1) crisi agraria e risveglio delle masse contadine oppresse dallo strapotere del latifondo;
2) nascita di un ceto mercantile che oppone beni mobili ad immobili;
3) acquisizione di uno spirito d’appartenenza grazie al nuovo assetto politico.

Il principale fattore di disquilibrio fu dunque la gravissima crisi agraria che investì i piccoli proprietari terrieri, sempre più minacciati dall’espansione fondiaria di pochi nobili, gelosi del proprio potere e sordi ad ogni tipo di concessione o compromesso. Miseria, fame, impossibilità di riscattare i propri debiti, e schiavitù: questi erano gli spettri contro cui doveva rapportarsi quotidianamente l’uomo greco del VI secolo a.C.; qualora ci si appoggiasse a qualche latifondista per ottenere aiuto finanziario – dietro ipoteca – si finiva inesorabilmente per ritrovarsi con i propri averi fagocitati dal suo strapotere: nessuna legge tutelava o garantiva i diritti del singolo. Per altro, l’incertezza del domani e l’instabilità del presente sovrastavano ogni attività imprenditoriale, in una società in cui gli interessi dell’oligarchia erano direttamente contrari a quelli del ceto mercantile, aperto ad un’economia in espansione.
Fra il piccolo mondo contadino e quello commerciale, dunque, si consuma il dramma del rivolgimento. Chiaramente i mercanti rappresentano l’elemento attivo che porta all’ascesa al potere del tiranno. Questi – spesso un transfuga di campo avverso che, con l’adesione delle masse popolari, s’impadronisce a forza delle redini dello Stato – è anzitutto e contemporaneamente il difensore dei contadini e dei liberi commercianti. Gli uni rappresentano il fattore-base su cui poggia l’effettivo potere del tiranno, gli altri l’elemento dinamico che qualifica le sue scelte democratiche e le vedute più aperte. Tutti quanti si riconoscono come un unicum all’interno del nuovo ordinamento oplitico che li accomuna nella milizia civica, e li contrappone – con ugual peso e più matura coscienza di classe – al vecchio sistema strategico nobiliare. Anzi, il nuovo assetto militare della falange degli opliti, che riunisce sul campo, a sostenere il maggior sforzo bellico, quanti sono in grado di portare le armi (ópla parechómenoi), crea la figura del cittadino-soldato, che annulla le barriere anacronistiche dei privilegi sociali risalenti all’epoca dei regimi aristocratici, momento in cui i combattimenti si risolvevano a singolar tenzone e quando il “guerriero” vero e proprio era quello che montava a cavallo.

 

Il cosiddetto Pittore «Affettato». Combattimento tra opliti. Pittura vascolare da un’anfora attica a figure nere, dalla Necropoli del Crocifisso del Tufo (Orvieto). 520 a.C. Orvieto, Museo “Claudio Faina”

 

Le póleis che fra il VII e il VI secolo a.C. non furono turbate da forti contrasti sociali, o che comunque riuscirono ad assorbirli, non conobbero regimi tirannici. Ad esempio Sparta, per il suo eccezionale immobilismo costituzionale. Calcide, invece – com’è noto – con una grandiosa emigrazione coloniale promossa dal ricco ceto fondiario locale, riuscì ad emarginare gli strati più poveri della comunità. D’altro canto, Egina, data la sua piccola estensione insulare, non ebbe mai un’oligarchia fondiaria dominante, e perciò, fin dall’età più remota, sviluppò una fiorente economia mercantile, che riuscì ad assicurare alla popolazione un sufficiente benessere.

Obolo d’argento (0, 53 gr. Ø 8 mm, 6h), da Atene. 500-480 a.C. Civetta stante verso destra, con iscrizione sul bordo destro AΘE.

Obolo d’argento (0, 53 gr. Ø 8 mm, 6h), da Atene. 500-480 a.C. Civetta stante verso destra, con iscrizione sul bordo destro AΘE.

 

L’introduzione della moneta nelle singole póleis fu un fattore determinante, ed avvenne proprio in quest’epoca. Essa permise l’incremento di più rapidi ed efficienti scambi internazionali: la moneta era l’espressione dei tempi nuovi. Tramite l’intraprendenza dei mercanti, protesi alla conquista dei porti migliori, la piccola bottega divenne una vera e propria “industria” ante litteram, dotata di un programma di produzione in serie che mirava a condizionare la domanda esterna. Tale fu il processo che più visibilmente caratterizza quest’epoca di transizione, allorché la ceramica ellenica incominciò ad inondare tutti i mercati del bacino mediterraneo; ciò fu dovuto al fatto che le stesse città esportatrici erano proprio quelle rette da un tiranno.

Come è stato detto, il tiranno era l’interprete delle aspirazioni e dei bisogni del ceto mercantile e il garante della libertà dei contadini, insomma, era il capo degli opliti; nella maggior parte dei casi era un transfuga di campo avverso che spesso raggiungeva il sommo potere grazie all’esercizio di un’alta magistratura o di un’importante carica militare.
Tuttavia egli avvertiva l’imbarazzo di tradurre in formule giuridiche la realtà nuova del suo potere, e da ciò ne rimaneva inesorabilmente condizionato. Egli era un “monarca illuminato”, ma privo di carisma, che mirava tanto più urgentemente a legittimare il proprio potere, che da vitalizio voleva trasformare in ereditario, quanto più ne avvertiva il carattere transitorio e momentaneo. A nulla però sarebbe valso muoversi sull’infido terreno istituzionale; qualsiasi sovvertimento di costituzione avrebbe infatti sortito l’effetto contrario e indesiderato.
Solo in un caso circoscritto e in un’area del tutto periferica, a Cirene, si assistette in effetti alla trasformazione di una tyrannís in basileía sotto la dinastia dei Battiadi, ma si trattò di una graduale assimilazione, e non di una scelta predeterminata, ed inoltre il fenomeno fu favorito dall’isolamento culturale, da suggestione dei limitrofi monarchi barbari, dall’insolito perdurare di un istituto rivoluzionario ormai stemperatosi di ogni caratteristica eversiva.
Al di fuori della costituzione della pólis, il tiranno deve quindi ricercare la legittimazione del suo potere. E questa anzitutto chiede al diritto divino, quasi a rivendicare, agli occhi del popolo, una sorta di investitura carismatica. Il presentarsi particolarmente religioso e timoroso della divinità (e parimenti l’erigere templi, l’istituire nuove festività, l’inviare vistose offerte ai santuari federali della grecità) è peraltro per parte sua un’accorta politica di instrumentum regni. La politica religiosa del tiranno mira quindi da un lato ad ingraziarsi il favore della popolazione, dall’altro è tesa a disconoscere quelle divinità che nei génē gentilizi hanno assunto un chiuso carattere aristocratico. Quindi le scelte culturali s’indirizzano anzitutto verso quelle divinità panelleniche e poliadi che, a livello etnico o cittadino, hanno decisamente acquisito una spiccata connotazione popolare. E questo ovviamente, da parte del tiranno, sono tanto più onorate se connesse con la località di provenienza della sua famiglia.
Peraltro, i tiranni sottolineano con una politica promozionale di opere pubbliche il carattere duraturo e non provvisorio del proprio potere, oltre che con lo sviluppo di una vera e propria corte, con la promozione di gare pubbliche e agoni poetici, di modo che rinnovano non solo spiritualmente ma anche culturalmente l’anima della pólis.
Per quanto riguarda la politica estera, i tiranni si sentono sodali: si propongono vicendevole soccorso, rinsaldano amicizie ed alleanze con vincoli matrimoniali che tendono a sottolineare il principio dell’ereditarietà dinastica del proprio potere. Di contro avvertono tutto il peso dell’ostilità della vecchia classe aristocratica e di conseguenza, in fatto di politica interna, mirano con ogni sforzo a prevenire sovvertimenti reazionari: livellando le varie componenti sociali, creano una base d’uguaglianza fra tutti i cittadini e, talvolta (come accadde a Sicione anticipando il sistema clistenico di Atene) con provvedimento innovatore, sostituiscono le tribù gentilizie con tribù territoriali. In questo modo essi elevano gli umili e si sforzano di infrangere i presupposti del potere oligarchico: ciò spesso comportò condanne a morte, esili e confische comminati agli oppositori.
La fortuna dei tiranni fu indissolubilmente legata alla politica di promozione sociale che essi seppero instaurare nelle proprie città, accogliendo le rivendicazioni dei ceti che ne avevano favorito l’ascesa. Crisi agraria e disoccupazione erano le piaghe sociali che affliggevano la cittadinanza. Fu cura dei tiranni il miglioramento delle condizioni economiche dei contadini, la liberazione di questi dall’incubo di essere fagocitati dal grande latifondo, l’accogliere di fatto le rivendicazioni di questi e delle masse diseredate volte ad ottenere una più equa ripartizione della terra. Questo fecero senza alcun atto dichiaratamente rivoluzionario nei confronti della grossa proprietà, ma solo procedendo ad un’oculata ripartizione delle terre dai molti banditi politici di parte avversa. Provvedimento che assicurava un triplice obiettivo: colpire l’oligarchia, frantumare il latifondo, soddisfare le rivendicazioni delle masse rurali. Le città rette a tirannide furono così caratterizzate da una ripresa economica agricola con il concentramento di nuove energie in questo settore, con il potenziamento di colture pregiate, quali vigneti ed oliveti, con il dissodamento di terreni per l’innanzi adibiti al pascolo. Peraltro, come in tutti i regimi autoritari, si cercò di precludere alle masse contadine l’accesso alla città e al dibattito politico. E per far sì che i nuovi proprietari restassero più legati alla terra, si arrivò addirittura a distaccare nelle campagne l’amministrazione della giustizia: Periandro istituì tribunali locali disseminati nella campagna corinzia; Pisistrato organizzò dei giudici itineranti per l’Attica; Ortige rese giustizia alle porte di Eritre. Altri, come Clistene di Sicione, costrinsero i contadini ad indossare in permanenza il loro rozzo costume di pelle di montone perché fossero facilmente riconoscibili.
Per quanto riguarda il problema dell’occupazione i dati forniti dalla tradizione sono estremamente controversi: posto indubbio che tutti i tiranni promossero la costruzione di opere pubbliche, mentre la storiografia moderna propende per giustificare tali atti come dettati dal desiderio di dar impiego remunerativo al proletariato urbano, la tradizione antica è unanime nel dichiarare che si sfruttasse la popolazione con prestazioni di lavoro, più o meno forzate, a retribuzione irrisoria.

Al di là della contrapposizione – sostenuta dalla storiografia ottocentesca – fra Dori aristocratici e Ioni democratici, se è vero che la grecità è al contempo celebrazione di un’etica aristocratica e di un’esigenza democratica, in nessun area del mondo greco questa duplice istanza si è avvertita con tanta sofferta intensità come nella Ionia. Di qui, seppur con caratterizzazione del tutto particolare, l’estrema importanza della sua storia nell’età delle tirannidi, periodo che segnò sì la fine dei vecchi regimi aristocratici, ma in cui il trapasso verso forme democratiche più avanzate repentinamente si blocca per l’improvviso asservimento allo straniero, allorché ai tiranni-demagoghi si sostituiscono i tiranni governatori del Grande Re.
Purtroppo i dati pervenuti sono piuttosto esigui, per lo più notizie tradite da eruditi che non consentono la ricostruzione di un quadro unitario, o semplici nomi di tiranni – Pindaro di Efeso, Ortige di Eritre, Anficle e Politecno di Chio – avulsi da qualsiasi memoria di cronachistica locale. Solo di Mileto sul continente e di Lesbo e Samo nell’area insulare si conosce qualcosa di più e si può tentare un’interpretazione delle notizie pervenute.
Per Mileto, si ha la testimonianza di Erodoto che parla di Trasibulo, seppur incidentalmente e in un contesto interessato a riferire un aneddoto su Periandro di Corinto. Da Plutarco (Quæs.Gr. 298c) si conoscono i nomi dei due tiranni che gli successero, Damasenore e Toante. Inoltre, ancora da Erodoto, si apprende di discordie vivaci insorte fra fazioni rivali alla caduta della tirannide, protrattesi per due generazioni e conclusesi con un arbitrato dei Parii, i quali avrebbero rimesso il potere «a quanti avevano meglio coltivati i propri campi» (Erodoto, V.29). Le fazioni in lotta sono per Plutarco le eterie Ploutís e Cheiromácha; gli appartenenti alla prima – a suo dire – sarebbero gli aeinaûtai, «i sempre naviganti»; gli appartenenti alla seconda, stando ad Eraclide Pontico (fr.50 Wehrli), i non meglio identificabili gérgithes. Attraverso questi scarni indizi, seppur con cautela, si può tentare un’interpretazione delle vicende interne di Mileto, certo emblematiche per la storia delle città della Ionia. La tirannide di Trasibulo va posta intorno al primo decennio del VI secolo a.C.: la fine della lunga stasi, protrattasi per due generazioni, nell’ultimo quarto del secolo. Trasibulo, di origini aristocratiche, come parrebbe mostrare il suo ufficio di prýtanis, s’impadronì del potere assai probabilmente nel clima arroventato della guerra che oppose Mileto al re di Lidia, Aliatte, e in cui egli ebbe un ruolo da protagonista.
Prima dell’instaurazione della tirannide, Mileto aveva conosciuto l’evoluzione tradizionale di tutte le città greche, con passaggio del potere politico dal génos reale dei Nelidi all’aristocrazia di sangue che nella pritania riconosceva la massima magistratura civica. Anche qui, almeno esteriormente, si vede coincidere la tirannide con il momento del maggior espansionismo transmarino: tramite le colonie del Ponto Eusino e il parziale controllo dell’emporio di Naucratis in Egitto, Mileto monopolizzò gran parte dei commerci granari del Mediterraneo orientale. Inoltre, come testimoniano cospicui ritrovamenti di vasi milesi, la città esportava nelle regioni danubiane vino e olio, mentre importava schiavi, pellicce pregiate e ambra dai mercati dell’interno e pesce dalle colonie costiere: tutti articoli che, per buona parte, e soprattutto per i prodotti ittici, dovevano essere rivenduti sul mercato internazionale con scopi puramente commerciali.

 

Statere d’elettro (13, 87 gr.), da Mileto. 560-545 a.C. ca. Leone accovacciato, con testa rivolta verso destra, all’interno di una cornice rettangolare.

Statere d’elettro (13, 87 gr.), da Mileto. 560-545 a.C. ca. Leone accovacciato, con testa rivolta verso destra, all’interno di una cornice rettangolare.

 

Alla fazione Ploutís appartenevano i ricchi, la cui attività, più ancora che sul latifondo, doveva esplicarsi in campo commerciale: donde il nome di aeinaûtai, «i sempre naviganti». A questa quindi appartenevano i grandi possidenti terrieri che disponevano di navi per collocare sui mercati lontani l’eccedenza dei propri prodotti agricoli; il ricordo della loro agiatezza è legato al mare, perché ovviamente si arricchivano con facili prezzi concorrenziali in campo internazionale, e quindi con cespiti di guadagno in ultima analisi più legati all’attività marinara, che all’attività agricola. Nella Cheiromácha invece s’inclinano oggi a individuare non tanto gli strati inferiori della popolazione, o i liberi caduti in servitù, ma gli esponenti della piccola e media proprietà – stigmatizzati per parte avversa con il nomignolo di gérgithes, riconducibile, assai probabilmente, con nota di dileggio, all’ambiente indigeno pre-greco. Tra l’altro, cheirómaches, «coloro che combattono con le mani», parrebbe essere una denominazione che si attaglia assai bene agli opliti costituenti il nerbo dell’esercito, e quindi ad una classe di possidenti, seppur modesti, ma in grado di procurarsi l’armamento necessario alla guerra. Il contrasto di fondo sarebbe stato quindi fra la grande e la piccola proprietà: quest’ultima si veniva a trovare impotente dinnanzi alla concorrenza di chi sul mercato internazionale poteva collocare i propri prodotti con autonomi mezzi di trasporto. E per giunta gli aeinaûtai, di contro ai cheirómaches, erano destinati ulteriormente ad arricchire divenendo sul mare interlocutori economici di altri popoli, come parrebbe dimostrare l’ovvia constatazione che il commercio milesio va ben oltre il livello di scambio dei prodotti agricoli locali.
Proprio la particolare floridezza economica di Mileto, la ricchezza della sua terra, determina in un certo senso un quadro “alla rovescia” dei tradizionali equilibri di forze che portano all’instaurazione della tirannide; non si ha opposizione fra latifondo e attività marittima, ma monopolio di quest’ultima a vantaggio di pochi: all’antitesi un mondo precocemente cittadino, “oplitico”, che è soffocato dal ceto dominante sia nell’incentivazione della produzione sia nell’intrapresa di una libera attività marinara. La situazione di crisi della piccola proprietà, i cui interessi si saldano a quelli del ceto artigiano e imprenditoriale, porta al sovvertimento sociale che si traduce nella sconfitta dell’oligarchia dominante: le lotte stesse fra génē aristocratici, le preoccupazioni per la guerra contro la Lidia, le tensioni per i contrasti talassocratici con Samo, favoriscono l’atto rivoluzionario.
A Lesbo la città di Mitilene, di gran lunga più florida dell’isola, conosce travagliate vicende sociali che portano Melancro a farsi tiranno negli ultimi decenni del VII secolo a.C. A lui, morto assassinato, succede Mirsilo, che, per l’aristocratico Alceo, è signore ancora più detestabile del precedente. Alla morte di questi, celebrata da Alceo (fr. 332 Voigt) con il primo brindisi funebre delle letterature occidentali, succede Pittaco, che, pur attraverso le avarissime notizie che se ne hanno, appare personalità di grande rilievo. Questi sale al potere in un clima di tanto esasperante contese cittadine da ispirare ad Alceo (fr. 208a Voigt) la metafora, ben nota anche per imitazione oraziana, della nave della pólis che rischia il naufragio. Vive nella prima metà del VI secolo a.C., è contemporaneo di Solone, e come lui è annoverato dalla tradizione fra i sette sapienti. La sua figura si stacca nettamente, e con forte caratterizzazione, da quella dei suoi predecessori: mentre essi furono “tiranni-usurpatori” egli è “tiranno elettivo”, cioè esimneta. La sua azione fu temporanea e durò il tempo necessario ad assicurare la pace all’interno della città. È perciò da pensare che, nel clima di lotte violente che caratterizzò l’instabile presa di potere per parte di due capi-popolo rivoluzionari (Melancro e Mirsilo), la stessa aristocrazia, per scongiurare radicali rivolgimenti, abbia stimato opportuno scendere a compromessi ed offrire concessioni alla parte avversa, esprimendo un moderatore dal proprio seno col compito di assicurare una pacificazione sociale. Il che ovviamente non esclude che, per opposti motivi, Pittaco sia apostrofato come “tiranno” da esponenti oltranzisti dell’aristocrazia, come Alceo (fr. 348 Voigt), o, viceversa, sia esaltato come “re illuminato” nei canti popolari mitilenei; la contraddizione è solo apparente: il poeta lesbio esecra il demagogo ed è ostile a qualsiasi forma di concessione sociale, la tradizione popolare celebra il legislatore che sanzionò in forma duratura le conquiste del dēmos.
A Samo, il ricordo della tirannide è legato al nome di Policrate, la cui azione è suscettibile di un inserimento in un più ampio contesto internazionale. Policrate, avventuriero e signore munifico, conobbe indipendenza e vassallaggio, capeggiò nella sua isola la rivolta contro l’oligarchia terriera e si trovò poi a reprimere un movimento popolare, anticipò nei fasti della sua corte il carattere grandioso delle tarde tirannidi siracusane. Come Trasibulo a Mileto egli proveniva da una famiglia aristocratica che già aveva rivestito le più alte cariche cittadine; la sua pólis, con una nutrita classe marinara ed imprenditoriale, è già rivolta ai grandi commerci internazionali, ma il potere è saldamente in mano agli esponenti di una chiusa oligarchia fondiaria, i cosiddetti geōmóroi. Contro costoro un tale Demotele, che pagò poi con la morte il suo gesto rivoluzionario (Quæs. Gr. 303c304e), aveva tentato di suscitare un moto popolare; ma Policrate, in tempi più maturi, riuscì ad affermare il proprio potere. Certamente, per impadronirsi della città, ebbe l’appoggio di Ligdami di Nasso, ma pare altresì che il suo colpo di stato sia avvenuto senza colpo ferire (Erodoto III.120,3).
E peraltro a lui aristocratico, con l’aiuto dei consanguinei – di cui poi si disfece – e con l’appoggio di una cittadinanza in avanzato processo di trasformazione, non dovette essere difficile impadronirsi del potere. Operò nella seconda metà del VI secolo a.C., quando anche la Grecia continentale conobbe le sue più grandi tirannidi, e la sua isola prospiciente Mileto fu testimone della progressiva avanzata dell’Impero persiano nel mondo microasiatico: dalla conquista dell’Egitto fino all’inglobamento delle città ioniche. In questa età di trapasso, e finché non cadde il suo stesso stato nell’orbita d’influenza persiana, Policrate seppe prosperare e crearsi sul mare un ampio spazio d’azione: creò una flotta di trecento triremi, affermando la sua signoria sulle Cicladi e compiendo azioni piratesche contro le città affacciate sull’Egeo; svolse un ruolo di mediatore fra la grecità continentale e l’Anatolia; strinse un fruttuoso patto d’alleanza con Amasi, faraone d’Egitto.
La tradizionale rivale di Samo era Mileto: entrambe, con interessi competitivi, avevano un fondaco a Naucrati; entrambe avevano preso parte alla Guerra lelantina, l’una dalla parte di Calcide, l’altra dalla parte di Eretria. Policrate mosse guerra a Mileto, ancor prima che cadesse in mano persiana, riuscendo ad affermare il suo controllo sull’immediato entroterra asiano, e coinvolgendo in battaglia navale, dalla quale uscì vittorioso, i Mitilenei, accorsi in aiuto ai Milesii.
Degna di tale uomo fu la sua corte sfarzosa e liberale, cui accorsero ingegni finissimi da ogni parte del mondo ellenico; qui visse Anacreonte e sostò Ibico; qui artigiani illustri elaborarono soluzioni tecniche all’avanguardia per realizzare opere pubbliche destinate a rinnovare l’assetto urbanistico della signoria. Si attirò l’inimicizia di Spartani e Corinzi, ma ben più gravi pericoli, anche se più latenti, dovevano alla lunga minarne il potere: da un lato una fazione popolare rivoluzionaria, formata dai pescatori dell’isola (i mythiētai), che premevano dal basso per un radicale sovvertimento sociale (Anacreonte fr. 21 Gentili); d’altro canto la crescente ingerenza persiana, che, soffocando le città ioniche e minando la talassocrazia egiziana, veniva rapidamente a modificare i tradizionali equilibri di forze nel mondo medio-orientale. Periando ancora una volta agì in modo spregiudicato: per ingraziarsi Cambise, allorché questi muoveva contro l’Egitto, rotta prontamente l’alleanza con il faraone, gli inviò un contingente di armati formato – come dice Erodoto III.44,2 – «da quelli fra i cittadini dei quali soprattutto sospettava che si ribellassero», cioè dai mythiētai. Questi però, invertita la rotta, tornarono a Samo e vi si insediarono per qualche tempo in forma autonoma, sorretti dall’appoggio spartano. Policrate rimase vittima di una morsa di ferro della quale non riuscì a liberarsi: da una parte la rivoluzione del popolo, dall’altra la richiesta persiana, sempre più incalzante, del suo vassallaggio.

Il cosiddetto «Koùros colossale di Samo». Statua, marmo, primo quarto del VI sec. a.C. Samo, Museo Archeologico.

Nel Peloponneso si trovano regimi tirannici, in particolare nelle grandi città protese ad un espansionismo commerciale marittimi, affacciate sul Golfo di Corinto e sul Golfo Saronico: Corinto, Mègara, Sicione. Ma, a prescindere dall’area dell’Istmo, fattori economici e ragioni d’ordine politico preclusero alle città dell’interno – ai centri della Messenia, dell’Arcadia, dell’Elide e dell’Acaia – un’evoluzione verso forme più avanzate di governo e qualsiasi possibilità di sovvertimento degli arcaici ordinamenti vigenti. Su queste regioni infatti estendeva il suo controllo, in forma diretta o indiretta, la potente Sparta.
Solo Argo, eterna rivale di Sparta, conobbe attorno alla metà del VII secolo profondi rivolgimenti sociali che si legano alla figura di Fidone. Di costui, che fu settimo re della città, si sa ben poco, ma pare verosimile che abbia trasformato l’antico istituto monarchico in una semplice magistratura. Il suo potere, che per tanti aspetti appare in nulla dissimile da quello di un tiranno, si basava sull’appoggio di un ceto medio e precocemente “oplitico”, che gli consentì di operare radicali riforme in campo economico e militare, tali da assicurare alla città, di contro a Sparta, un ruolo di primato nell’egemonia del Peloponneso. Smantellò il potere dell’aristocrazia, legata ad interessi fondiari, e da Nauplia e dagli altri porti dell’Argolide incrementò il commercio con l’Oriente: fu tra i primi o addirittura il primo in Grecia, a batter moneta. Dopo la sua morte, Sparta riprese però il sopravvento sulla regione, mentre le forti tirannidi istmiche, potenziatesi in età successiva, preclusero alla città qualsiasi possibilità di espansione verso nord, mentre Egina, già sua soggetta, riuscì a soppiantarla nei commerci con l’Egeo settentrionale.
I regimi tirannici di Corinto, Sicione e Mègara, si presentano con forte analogia di caratteri distintivi; anzitutto, qui il capo-popolo appare come il tiranno “tipo”: egli è espressione diretta di un ceto imprenditoriale e mercantile che si è aperto all’espansione marittima; mira a creare un vero e proprio impero coloniale politicamente unito alla metropoli; favorisce l’introduzione della moneta per incrementare i traffici; allarga su altre città la propria sfera d’influenza con un’accorta politica matrimoniale. In particolare, sia i Cipselidi di Corinto sia gli Ortagoridi di Sicione dilatarono il campo delle esportazioni delle loro città; entrambi i casati furono interessati ad espandersi in aree lontane per assicurarsi il controllo di importanti distretti minerari per le proprie emissioni monetali; entrambi cercarono di esercitare un controllo sempre più forte sulla vita politica ateniese cercando legami nuziali, gli uni imparentandosi con il génos dei Filaidi, gli altri con quello degli Alcmeonidi. Tra l’altro anche Teagene, tiranno di Mègara, che in contrasto con Pisistrato di Atene rivendicava il controllo di Salamina, si propiziò il favore dell’eteria a lui avversa imparentandosi con Cilone. Caratteri comuni hanno pure i termini di questi regimi: finirono tutti in modo traumatico, esaurita la propria funzione storica, quando il dēmos prese più matura coscienza di sé, ma anche quando incipiente crisi economica e mutati equilibri internazionali le costrinsero a ridimensionare la propria politica espansionistica. Sulle loro ceneri non sorsero però regimi democratici, bensì governi a moderato regime timocratico, favoriti da Sparta e favoriti dalla rapida adesione alla Lega peloponnesiaca cui furono costrette.

A Corinto, dove il potere era nelle mani della potente casata dei Bacchiadi, sostituitasi all’antichissima monarchia, fu Cipselo – ad essi imparentato per parte di madre – a guidare il movimento popolare che portò all’instaurazione della tirannide nella seconda metà del VII secolo a.C. La sua ascesa, vuole la tradizione, pare sia stata predetta dall’oracolo delfico con parole che ne sottolineano l’adesione alla causa cipselide, sono d’auspicio alla potenza della tirannide corinzia e, al contempo, ne rimarcano la breve durata: ὄλβιος οὗτος ἀνὴρ ὃς ἐμὸν δόμον ἐσκαταβαίνει, Κύψελος Ἠετίδης, βασιλεὺς κλειτοῖο Κορίνθου αὐτὸς καὶ παῖδες, παίδων γε μὲν οὐκέτι παῖδες («felice quest’uomo che nella mia casa discende, Cipselo, figlio di Eezione, re della gloriosa Corinto; felice lui e i suoi figli; non più, però, i figli dei figli», Erodoto V. 92ε,2). Egli, come ancora predisse l’oracolo è il macigno che ἐν δὲ πεσεῖται ἀνδράσι μουνάρχοισι, δικαιώσει δὲ Κόρινθον («si abbatterà su coloro che hanno il potere, e castigherà Corinto», Erodoto V. 92β,2). E conformemente alla sentenza oracolare, Cipselo e suo figlio Periandro – che la tradizione annovera fra i Sette Sapienti per le sue disposizioni suntuarie volte a frenare il lusso dei ricchi (Arist. Polit. 1315b; Diog. Laert. I.94-100) – innalzarono Corinto a splendore e potenza mai eguagliati nella sua lunga storia, debellando definitivamente il potere della vecchia aristocrazia. Anche in questo caso vi è una stretta connessione fra il potere tirannico e le organizzazioni militari oplitiche, giacché Cipselo, proprio a capo di queste come polemarco, assunse il potere supremo. La città con due porti, Lecheo e Cencrea, che si affacciavano rispettivamente sul Golfo Corinzio e il Golfo Saronico e collegati tra loro da un díolkos, che consentiva un facile trasbordo delle navi lungo l’Istmo, era scalo primario e punto di transito obbligato per il commercio fra Oriente ed Occidente. E verso Occidente, Corinto aveva già esteso il proprio raggio d’azione con le grandi colonie di Corcira e Siracusa. Anzi, fu proprio la colonizzazione che la trasformò in una città trafficante, protesa ad un espansionismo marittimo: qui l’industria della ceramica, destinata all’esportazione in cambio di materie prime e di schiavi, ebbe ampio sviluppo; qui, con soluzioni tecniche all’avanguardia, si vararono le prime triremi greche.
Tutto ciò portò in seno alla cittadinanza ad una rapida e traumatica trasformazione delle condizioni socio-economiche, e un ceto imprenditoriale rivendicò il monopolio dei commerci e più ampio spazio politico, opponendosi alle vecchie consorterie oligarchiche, detentrici del potere, e favorendo l’insurrezione contro lo strapotere dei Bacchiadi. Non è da escludere che il gesto rivoluzionario sia stato determinato anche da una ragione più contingente: la perdita della colonia di Corcira, affrancatasi dalla madre-patria intorno alla metà del VII secolo a.C. (evento testimoniato da Tucidide I.13,4), e il potenziamento dei porti rivali della Megaride. I due motivi comunque si saldano. Certo è sì che Cipselo prima e Periandro poi proseguono la politica coloniale: risottomettono a forza Corcira ed estendono l’influenza corinzia su Epidamno; vengono fondate sulla costa acarnano-epirota Ambracia, Leucade, Anattorio, Apollonia, nella Penisola Calcidica viene istituita Potidea e Cipsela nel Chersoneso Tracico. Nuovi e vecchi stanziamenti corinzi, per la prima volta nella storia della colonizzazione greca, sono ora legati da precisi vincoli di dipendenza politica nei confronti della madre-patria. All’area dell’espansionismo commerciale della Corinto dei Bacchiadi succede il forte impero coloniale dei Cipselidi: questo si snoda su tutto il fronte della Grecia settentrionale, dall’Epiro alla Macedonia e alla Tracia, in aree che sono poli terminali di importanti vie di penetrazioni in regioni dell’entroterra ricche di giacimenti metalliferi. Da Epidamno, infatti, si raggiungono facilmente i distretti interni dell’Illiria; ai medesimi, si accede anche da Potidea, cui pure si dischiudono le vie d’accesso alle miniere macedoni.
Peraltro l’espansionismo corinzio non si esauriva solo verso Occidente: in Oriente, Periandro fu in relazione d’amicizia con i reami di Lidia e d’Egitto, riscuotendo credito presso i tiranni ionici, ed esercitando il ruolo di mediatore nelle controversie internazionali. Contrastando la potenza di Mègara ed Egina, Periandro tentò di conquistare il controllo del Golfo Saronico. Intrattenne rapporti amichevoli con Atene, peraltro favoriti dalla comune rivalità con Mègara; anzi, cercò di inserirsi nel vivo delle sue lotte politiche e ad esercitavi un certo controllo con una serie di alleanze matrimoniali con il génos dei Filaidi e con gli stessi Pisistratidi. Non è un caso che queste famiglie abbiano coniato le proprie monete con argento corinzio e che entrambe abbiano creato possedimenti personali in are della Grecia interessate proprio dall’espansionismo cipselide. Tutto ciò mostra chiaramente il prestigio e il grado di prosperità e di ineguagliata grandezza raggiunti da Corinto sotto questo illustre casato, allorché le feste Istmie divennero solennità panelleniche.
In politica interna, la tirannide, pur nelle sue caratteristiche fortemente accentratrici, creò le basi per un profondo rinnovamento sociale: i beni dei Bacchiadi e dei loro sostenitori furono confiscati a profitto della pólis, e assai verosimilmente per procedere ad una generale ridistribuzione delle terre; una tassa speciale sulle entrate, introdotta da Cipselo, fu devoluta –a quanto pare – ad opere di pubblica utilità; l’introduzione della moneta incrementò il commercio e ne estese l’area d’azione. Cipselo, che conservò il titolo di re che già fu dei Bacchiadi, di fatto, trasformò l’antico regime oligarchico in un governo autocratico; suo figlio Periandro fu propriamente un τύραννος, come lo intese il pensiero politico classico, ed accentuò il suo carattere dispotico col circondarsi di una guardia del corpo armata. Entrambi tennero una grandiosa vita di corte, che richiamò da ogni parte della Grecia artisti e poeti: fra essi, animatore di cori ditirambici, il celebre Arione. La decadenza iniziò con il terzo Cipselide, Psammetico, nipote di Periandro. Questi fu travolto ben presto, intorno al 540 a.C., da una violenta insurrezione popolare che pose fine alla tirannide. Si ignorano i motivi di tale rivolta, ma è certo che essi sono più immediatamente indagabili nella reazione popolare ad un dispotismo che iniziava a degenerare, e nella strumentalizzazione che di tale malcontento seppero fare i fuoriusciti da parte aristocratica. Non si deve tuttavia sottovalutare un’altra possibile ipotesi che vuole che oltre a ciò vi fossero altri fattori, di carattere economico internazionale: da una parte l’affermarsi della ceramica attica sui mercati mediterranei, che finì con il soppiantare quella corinzia, e dall’altra l’ingerenza di Sparta e della Lega peloponnesiaca sull’area istmica. Tutti elementi che aiutano a comprendere il motivo per cui Corinto, una volta decaduta la tirannide, non evolva in un governo democratico, ma assuma, a seguito delle rivolte interne, la sua forma pacifica sotto un regime moderato e timocratico.