Un regalo per un amico

Busto romano, forse Cornelio Nepote (?)

Busto romano, forse Cornelio Nepote (?)

Cui dono lepidum novum libellum
arido modo pumice expolitum?
Corneli, tibi; namque tu solebas
meas esse aliquid putare nugas,
iam tum cum ausus es unus Italorum
omne aevum tribus explicare chartis,
doctis, Iuppiter, et laboriosis!
quare habe tibi quidquid hoc libelli
qualecumque, quod, o patrona virgo,
plus uno maneat perenne saeclo.

A chi donerò il libretto nuovo e bello
lisciato soltanto con un’asciutta pietra pomice?
O Cornelio, a te! Infatti, tu eri solito
pensare che le mie poesiole valessero qualcosa,
proprio allorquando già osavi, unico fra gli Italici
svolgere la storia universale in tre libri,
dotti, per Giove, e faticosi!
Abbi il mio libello, per ciò che è,
per ciò che vale; che questo, o Vergine protettrice,
resti duraturo per più di un secolo.

(Catullo, Carmina I)

Advertisements

σχόλια/adnotationes dei lettori

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...